Digital divide, studenti di fisica a sostegno del nuovo portale della Regione

digital-divide-mod(umbriajournal.com) PERUGIA – “Proprio gli studenti possono diventare i primi operatori a sostegno dell’azione della Regione che vuole coprire l’intero territorio regionale attraverso una rete digitale, soprattutto riferita alla banda larga, che consenta a tutti, famiglie, imprese ed enti pubblici, di essere collegati in maniera globale e moderna e di usufruire quindi di tutti i vantaggi che offre la stessa rete digitale sia in termini di snellimento di tempi e procedure sia per sviluppare importanti relazioni sociali ed economiche”, è questo il messaggio lanciato dall’assessore regionale Stefano Vinti nel corso di una tavola rotonda sul tema “Digital Divide, l’accesso alla rete tra scienza e democrazia, il ruolo dell’Università e della Regione in Umbria”, che si è svolta questa mattina, venerdì 24 maggio, nel Dipartimento di Fisica dell’Università di Perugia, dedicata all’avvio del nuovo Portale Web digitaldivide.umbria.it. Il Portale, voluto dalla regione e realizzato da CentralCom in collaborazione proprio con la Facoltà di Fisica dell’Università perugina, avrà lo scopo di monitorare la situazione del digital divide in Umbria. “E tutto ciò, ha continuato Vinti, potrà avvenire grazie alle segnalazioni puntuali che arriveranno dai vari territori. Avremo così modo di conoscere in maniera più approfondita, eventuali zone scoperte o con problemi di scarso collegamento. L’aggiornamento sarà effettuato quindi proprio grazie al contributo che vorranno dare i cittadini, le imprese, e le Pubbliche Amministrazioni, consentendo di evidenziare le criticità, o segnalando eventuali esigenze di integrazione e adeguamento delle infrastrutture causate dall’evoluzione della domanda di banda. Le informazioni acquisite, ha sottolineato l’assessore, potranno essere utili anche per orientare e supportare le scelte di investimenti pubblici e privati per lo sviluppo delle reti di ultima generazione nella nostra regione. Gli obiettivi del progetto, che si concretizza con la realizzazione di questo portale, sono da un lato il superamento di ogni forma di esclusione digitale assicurando l’accesso alla rete come diritto universale; dall’altro favorire lo sviluppo delle infrastrutture di nuova generazione per sostenere una crescita ad alto contenuto tecnologico e di conoscenza. E’ un diritto ormai universalmente riconosciuto, almeno a parole, quello di avere la possibilità di usufruire di una rete digitale adeguata ed accessibile, e tutti, cittadini ed imprese, dovrebbero avere lo stesso livello di copertura e di servizio. La Giunta regionale vuole conseguirlo nei fatti e per questo abbiamo investito per la realizzazione delle infrastrutture digitali necessarie ed ora lanciamo questo strumento del Portale per essere anche noi in collegamento costante con il territorio”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*