Bilancio Università, studenti aderenti all’UDU votano contrario

politica universitaria che non viene incontro alle esigenze degli studenti

Bilancio Università, studenti aderenti all'UDU votano contrario

Bilancio Università, studenti aderenti all’UDU votano contrario

Si sono tenute oggi 21 dicembre le sedute del Senato Accademico e del Consiglio d’Amministrazione decisive per l’approvazione del Bilancio preventivo dell’Università degli Studi di Perugia. Come sempre abbiamo portato all’attenzione degli organi le varie criticità rilevate e le osservazioni relative non solo alle singole voci del bilancio, ma anche alla complessive scelte politiche operate dall’Amministrazione.

Nessun investimento rilevante sugli aspetti prettamente di interesse della componente studentesca, entrate eccessivamente elevate dalla tassazione, tali da far presumere lo sforamento legale del tetto del 20%, un calo notevole della spesa relativamente al costo del personale dedicato alla ricerca e alla didattica, che è quello che in prima istanza si occupa della formazione degli studenti. Sulla base di queste motivazioni, come Sinistra Universitaria Udu abbiamo espresso parere contrario al Bilancio preventivo.

La visione politica dietro le scelte di bilancio dell’Amministrazione denota una mancanza di volontà di mettere in campo investimenti utili al miglioramento generale dell’Università, oltre che dei servizi dedicati agli studenti.” dichiara Costanza Spera, coordinatrice Udu ” Riguardo al bando 150 ore per l’anno accademico 2017/18, segnaliamo una poca coerenza rispetto alla dichiarazione resa dal Rettore in cui veniva dato mandato agli uffici di accogliere le nostre richieste sul tema, inerenti ad una modifica dei parametri di calcolo e di un’estensione del bando agli studenti del primo anno di magistrale, ad oggi indebitamente esclusi. Questo, dopo un anno, non è stato fatto. Non solo: Le motivazioni rese negli organi sopra citati sono a nostro avviso alquanto discutibili.

Di fronte a questa serie di fatti, abbiamo deciso di votare contrari ad una politica universitaria che non viene incontro alle esigenze degli studenti e risulta altalenante rispetto agli impegni formalmente presi negli organi di ateneo. Riguardo il probabile sforamento del tetto massimo del rapporto tra entrate delle tasse e FFO, vigileremo al fine di garantire la legalità nel nostro Ateneo.”

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*