Altrascuolaumbria emergenza freddo nelle scuole Umbre

a 4 giorni la temperatura nelle classi è sensibilmente inferiore a quella prevista per legge

Altrascuolaumbria emergenza freddo nelle scuole Umbre

Altrascuolaumbria emergenza freddo nelle scuole Umbre  PERUGIA – Tutta la nostra solidarietà ai ragazzi di Norcia e Cascia che dopo ripetuti giorni passati con le giacche in aula si sono rifiutati di entrare a scuola finché non ci fosse un ambiente adatto a fare lezione, ottenendo l’accensione dei termosifoni e lo spostamento in sedi adeguate!

Purtroppo il problema persiste in molte altre scuole della Provincia: mentre a Spoleto continuano i disagi per le sedi distaccate, le scuole di Umbertide restano ancora al di sotto della temperatura minima necessaria a svolgere le lezioni: i rappresentanti d’istituto sono passati per le aule con il termometro registrando temperature minime mai viste prima e non sono disposti a tollerare un giorno di più questa situazione.

A Perugia solo ora le classi iniziano ad avere una temperatura accettabile, uno dei rappresentanti del liceo scientifico Galileo Galilei, la scuola che ha riscontrato più problemi nel perugino, dichiara “Appena tornati a scuola dopo la pausa natalizia si è mostrata appieno l’inadeguatezza del sistema di riscaldamento scolastico. Da 4 giorni la temperatura nelle classi è sensibilmente inferiore a quella prevista per legge.

Noi studenti siamo costretti a svolgere le lezioni a temperature polari, coprendoci con coperte di pile.”

Dirigenti scolastici e Province devono garantire agli studenti un luogo dignitoso dove poter studiare, è un’immagine indecorosa vedere centinaia di ragazzi costretti in classe con giacche, coperte e stufette, pretendiamo il rispetto dei nostri diritti di base (Art. 2 comma 8a dello “Statuto degli studenti e delle studentesse”), come Rete degli Studenti Medi chiediamo quindi disposizioni che risolvano la situazione, partendo dall’accensione anticipata dei termosifoni fino agli interventi strutturali che dovessero risultare necessari per la messa a norma degli istituti.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*