All’Itts Volta Alan November parla di nuove tecnologie nell’educazione

Un momento del Digit@lend 2016”

(umbriajournal.com) by Avi News PERUGIA – Innovazione didattica e integrazione delle nuove tecnologie nell’educazione. Questo il tema di “Digit@Lend 2016 – 2° International Learning Event”, un  evento formativo di portata internazionale che si è tenuto mercoledì 14 settembre, per il secondo anno consecutivo, all’Istituto tecnico tecnologico Alessandro Volta di Perugia. Una giornata organizzata dall’Itts Volta in partnership con l’associazione Lend – Lingua e nuova didattica, dedicata all’aggiornamento metodologico dei docenti di ogni ordine e grado con formatori di caratura nazionale e internazionale, esperti di innovazione tecnologica, didattica generale e di lingue straniere.

“Siamo orgogliosi di aver ospitato il professor Alan November – ha esordito Rita Coccia, dirigente dell’Itts Volta – uno dei maggiori esperti mondiali di innovazione nella didattica che influenzerà anche le scelte dei governi nei prossimi dieci anni. Averlo avuto qui è stato un evento eccezionale”. Parole riprese anche da Silvia Mazzoni, responsabile del gruppo Lend Perugia. “Siamo entusiasti di aver realizzato un evento internazionale – ha affermato – e ci siamo uniti agli sforzi dell’Itts Volta per ospitare relatori di un certo livello”.

Ex professore di scienze e informatica, Alan November, tra i primi a sfruttare le potenzialità della rete internet in favore dei suoi progetti scolastici rivolti agli alunni con disabilità, oggi è anche autore di best seller, oltre che di moltissimi articoli e di un autorevole blog del settore. Speaker in moltissime conferenze internazionali, compreso il ‘Ted’, svolge il prestigioso ruolo di consulente di scuole, governi e aziende a livello mondiale.

“In un mondo in cui si parla sempre più spesso di innovazione digitale – ha spiegato Alan November – e in cui gli studenti hanno ampia disponibilità di dispositivi elettronici è importante chiedersi cosa bisogna insegnare ai ragazzi oggi. Sicuramente, le competenze che permettono loro di usufruire delle migliori informazioni della rete. Infatti, la maggior parte dei ragazzi pensa di saper usare internet e i suoi strumenti di ricerca, in realtà, non riesce ad accedere a informazioni di qualità. Il compito di noi docenti è quello di insegnare agli studenti come trovare le migliori informazioni. Ad esempio tutti conoscono Google, ma pochi sanno che esistono altri strumenti di ricerca molto efficaci come Wolfram alpha, un sito in cui è possibile porre quesiti matematici, fisici e di altro genere trovando la spiegazione”.

All’evento formativo, che ha previsto anche dei workshop, hanno partecipato Anna Rita Vizzari dell’Ufficio scolastico regionale Sardegna, Marion Odell del The British Council, Luciano Mariani, ricercatore e freelance teacher trainer, e due Apple distinguished educator, Domizio Baldini e Italo Ravenna.

Cristina Biondi

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*