Innovazione agricoltura, a Orvieto i risultati di ‘Grapeassistance’

Studio di Confagricoltura Umbria di un nuovo modello per gestione sostenibile del vigneto La presentazione a palazzo dei Sette di Orvieto, giovedì 15 ottobre, alle 15.30

(umbriajournal.com) by avi news ORVIETO – Giunge a conclusione il progetto ‘Grapeassistance 2015 – Studio di fattibilità dell’applicazione di un nuovo modello di assistenza tecnica per la gestione sostenibile del vigneto nel territorio del Consorzio Docg Sagrantino di Montefalco’, realizzato nell’ambito della Misura 124 del Programma di sviluppo rurale 2007-2013 per l’Umbria. I risultati finali del progetto, promosso da Confagricoltura Umbria per diffondere l’impiego di nuove tecnologie in agricoltura, verranno presentati giovedì 15 ottobre, alle 15.30, al palazzo dei Sette di Orvieto. L’iniziativa ha riguardato la realizzazione di uno studio di valutazione della fattibilità e dei vantaggi derivanti dall’applicazione di un modello innovativo di gestione sostenibile del vigneto, basato sulla coltivazione della vite secondo principi di sostenibilità ambientale. “Il primo risultato della sperimentazione – annunciano i promotori del progetto – è stato quello di dimostrare che è possibile avere un approccio ‘comprensoriale’ nell’assistenza tecnica ai viticoltori, nel segno della sostenibilità ambientale e della competitività”. Elemento centrale dell’innovazione è stato l’introduzione di un sistema Dss (Decision support system), ovvero un software costruito su modelli matematici di elaborazione che, in relazione a variabili ambientali, fenologiche e altri parametri di difesa e gestione agronomica della vigna, permette di aiutare il ‘manager del vigneto’, cioè colui che prende le decisioni relative alla gestione del vigneto, a prendere decisioni più mirate e quindi più corrette. Il progetto ha visto coinvolte dodici aziende vitivinicole di Montefalco che sono state poste al centro del processo decisionale quali utenti di un Dss, e il Consorzio di tutela dei vini di Montefalco al quale è stato affidato un ruolo di divulgazione dei bollettini agrometeorologici aziendali e territoriali, con il partenariato scientifico dell’università Cattolica Sacro Cuore di Piacenza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*