Informazione locale disegno di legge Regione Umbria per sostegno imprese

Andrea Samcchi, Pd, commenta favorevolmente lavoro Giunta e Assemblea

Informazione locale disegno di legge Regione Umbria per sostegno imprese
Andrea Smacchi

“Arriva oggi in Giunta regionale per la preadozione la legge regionale sull’editoria, frutto di un lavoro sinergico di Giunta e Assemblea legislativa, che ha prodotto un importante risultato”. Così il consigliere regionale Andrea Smacchi (Pd) commenta l’approdo del disegno di legge dal titolo “Norme in materia di sostegno alle imprese che operano nell’ambito dell’informazione locale”, all’attenzione dell’Esecutivo di Palazzo Donini.

Smacchi spiega che “dopo cinque riunioni il gruppo di lavoro, costituito da rappresentanti dell’assessorato e della Prima commissione, al quale hanno partecipato rappresentanti dell’Associazione stampa umbra e dell’Ordine dei giornalisti, presenta oggi alla Giunta un documento valido e all’avanguardia, in grado di poter dare un serio supporto ad un settore in difficoltà.

Il consigliere regionale Andrea Smacchi (Partito democratico) commenta favorevolmente l’arrivo all’attenzione dell’Esecutivo di Palazzo Donini del disegno di legge “Norme in materia di sostegno alle imprese che operano nell’ambito dell’informazione locale”. Per Smacchi si tratta di “un testo dunque molto aperto alle istanze degli operatori ma che tiene fermi i paletti della necessità dell’innovazione e la tutela della qualità del lavoro”.

Individuando tra i destinatari dei benefici l’emittenza televisiva del digitale terrestre, l’emittenza radiofonica, le web tv, le web radio, la stampa quotidiana e periodica, i quotidiani e periodici online, le agenzie di stampa, gli uffici stampa e le imprese di produzione e distribuzione di contenuti informativi locali, la legge – aggiunge il consigliere regionale – mette sul piatto interventi volti alla modernizzazione e all’innovazione del settore, per favorire il giornalismo partecipativo ma anche l’occupazione di personale giornalistico.

Con il disegno di legge si intende anche stimolare una riorganizzazione del settore della comunicazione istituzionale”. “Dopo il passaggio in Giunta – conclude il presidente della Prima commissione – si aprirà la fase della partecipazione, ad opera dell’Esecutivo regionale, prima dell’adozione definitiva e dell’iter in Assemblea legislativa. Sarà un testo dunque molto aperto alle istanze degli operatori ma che tiene fermi i paletti della necessità dell’innovazione e la tutela della qualità del lavoro”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*