Incendio Gesenu, sindaco revoca divieti ad azienda

La USL Umbria 1 ha comunicato in data odierna che, in ragione delle analisi effettuate dalla ARPA – Agenzia Regionale per la protezione ambientale, relativamente ai campioni prelevati sia all’interno del raggio di 1000 metri dal luogo dell’incendio dello scorso 2 giugno alla Gesenu, sia all’esterno, non si rilevano valori anomali o superiori alla norma e comunque in linea con quelli rilevati in ambito regionale per le stesse matrici.
Pertanto, il Sindaco ha emanato, sempre in data odierna, l’ordinanza n. 746 di revoca dei divieti di
• consumo dei prodotti coltivati nell’area individuata, da parte dei soggetti più a rischio, come bambini, donne in gravidanza e in allattamento;
• di raccolta e consumo di funghi epigei spontanei;
• di pascolo;
• di utilizzo delle uova e di eventuali altri prodotti di origine animale derivati da animali a stabulazione libera;
• di utilizzo dei foraggi e dei cereali, per alimentazione animale, provenienti dall’area interessata, eventualmente esposti alla ricaduta dei residui di combustione.
stabiliti con la precedente ordinanza 627 del 03/06/2015,
Ricordiamo che la suddetta ordinanza era stata emessa dal Comune a seguito dell’incendio alla Gesenu verificatosi lo scorso 2 giugno, in attesa di un preciso modello di ricaduta dei residui di combustione da parte dell’ARPA – Agenzia Regionale per la protezione ambientale, su richiesta della USL Umbria 1,

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*