Giornale dell’Umbria, giornalisti ancora in sciopero

Permane una difficilissima situazione economico-finanziaria, gestionale e organizzativa della testata

Giornale dell'Umbria, giornalisti ancora in sciopero
Redazione Giornale dell'Umbria

Giornale dell’Umbria, giornalisti ancora in sciopero

Il comitato di redazione del Giornale dell’Umbria, anche a nome del personale giornalistico e poligrafico, si trova nuovamente costretto ad annunciare ed effettuare due giornate di sciopero nelle giornate di oggi e del 1° gennaio 2016, a causa del permanere di una difficilissima situazione economico-finanziaria, gestionale e organizzativa della testata, con tutto quello che ne consegue rispetto a carichi di lavoro eccessivi a scapito della qualità. Il personale giornalistico e poligrafico esprime nuovamente grande preoccupazione per l’estrema incertezza circa le sorti del giornale e dei suoi dipendenti.

Il Cdr ricorda che gli stipendi di novembre e le tredicesime sono stati pagati in ritardo senza alcuna comunicazione da parte dell’azienda. Unica giustificazione fornita dall’azienda riguarda il ritardo nel versamento del contributo statale all’editoria; contributo al quale il nuovo editore ha prontamente, ed inspiegabilmente, rinunciato appena preso possesso della testata ad agosto. Nessuna certezza è stata fornita sulla corresponsione degli stipendi di dicembre.

licenziamento di 12 giornalisti

Da quanto affermato in una intervista dall’editore stesso a partire da gennaio per il Giornale dell’Umbria si apre lo scenario del licenziamento di 12 giornalisti (al momento in regime di contratto di solidarietà per contenere 5 esuberi) e di buona parte del personale poligrafico. Per quanto potuto appurare, al momento, non ci sono state adesioni alla ricapitalizzazione da 10 milioni di euro da parte di imprenditori e finanziatori, quindi l’azienda, informalmente, ha iniziato a discutere della possibilità di liquidare la società editrice Geu1819 al termine del fundraising il 14 gennaio del 2016. Una decisione che lascia tutti perplessi a fronte di quanto affermato dall’editore, nel corso di un incontro ufficiale con il Cdr, il quale aveva assicurato che avrebbe ripianato qualsiasi manchevolezza nel bilancio.

IL CDR RICORDA
Il Cdr ricorda come sin dal mese di settembre abbia contestato scelte editoriali che hanno portato alla diminuzione delle copie vendute in edicola del quotidiano, unica fonte certa di entrate, e alla dispendiosa produzione di periodici con un rapporto costi-ricavi assolutamente insostenibile per qualsiasi azienda editoriale.

Il Cdr precisa, ormai da mesi, che non è mai stato presentato un piano editoriale che illustrasse le strategie aziendali a lungo termine e che molte delle iniziative sono state avviate senza la previa consultazione del Cdr, come prevede il contratto nazionale di lavoro.

Giornale

Il Cdr ha espresso la propria contrarietà al licenziamento dei collaboratori che per anni hanno dato valore al Giornale dell’Umbria coprendo i territori delle due province e della città maggiori dell’Umbria. Collaboratori allontanati con una mail dall’oggi al domani. Depauperando ulteriormente il prodotto editoriale quotidiano. A fronte di questa situazione l’azienda ha continuato a parlare di assunzioni effettuate e di investimenti in infrastrutture tecnologiche che, ad oggi, nessuno ha mai visto. Come, d’altronde, la nuova sede: annunciata già ad agosto, ancora non è stata individuata e tanto meno si intravedono tempi certi per il trasferimento.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*