Formazione – Il percorso dei sensi, un nuovo modo per realizzare le aree verdi

Perugia: l'esperienza Workopp valutata per una collaborazione con l'ente(UJ.com3.0) PERUGIA – Un percorso comodo e facilmente accessibile, in cui sono state individuate aree diverse, dedicate alla stimolazione dei vari sensi: piante profumate come il gelsomino, la rosa, la lavanda, il timo e il rosmarino accolgono il visitatore all’ingresso accompagnandolo nel primo tratto del percorso. Tutto questo è il giardino sensoriale realizzato dagli allievi del corso “Disegnatore e realizzatore di aree verdi accessibili e sostenibili” della scuola di formazione “.form” di Foligno. Nei giorni scorsi presso la sede della scuola di formazione si è tenuta la cerimonia di conclusione di questo percorso formativo alla presenza del vice presidente della Provincia di Perugia, Aviano Rossi, Gianni Angeli, presidente scuola “.form”, Moreno Moraldi direttore di Umbraflor, la docente Enrica Bizzarri, Cristina Ercolani, dirigente sviluppo economico del Comune di Foligno. Il tema del giardino sensoriale, come area verde che concentra in un unico spazio la possibilità di esperienze sensoriali diverse, attraverso il contatto con le piante e i materiali di cui i giardino è composto, è stato scelto per la sua versatilità e la possibilità di offrire esperienze sia dal punto di vista didattico che ricreativo a persone diverse per età, interessi, abilità.

Il giardino è stato concepito come “work in progress”, una utile palestra per l’esercitazione degli altri studenti dei corsi di Manutentore del verde, che ne cureranno il completamento e la manutenzione. Quindi una possibilità concreta per trovare sbocchi nel mercato del lavoro anche in periodi come l’attuale non facili da questo punto di vista. “Sono momenti positivi perché abbiamo la concreta certezza che quello che abbiamo fatto per trovare le risorse e quello che stiamo facendo per spenderle sta andando a buon fine – ha detto il vice presidente Rossi -. “.form” è una eccellenza nonostante che questa realtà sia nata da pochissimo tempo, ma sta già ottenendo degli ottimi risultati. Primo perché ha recepito il nostro input di creare sinergie con partner economici investendo in una formazione non all’interno delle aule ma operativa. L’auspicio, riferendomi a questo corso formativo in particolare – prosegue Rossi -, è che si possano intraprendere delle attività imprenditoriali in proprio.

È vero, il momento è difficile, ma nella storia le crisi economiche sono state sempre superate e se danneggiano coloro che hanno un’attività produttiva che va male o quanti perdono il lavoro, sicuramente favoriscono chi fa delle scelte e quanti sono pronti nel momento che le opportunità tornano ad essere concrete. I protagonisti della ripresa lo saranno se avranno investito nei settori che hanno maggiori probabilità di sviluppo. Noi nel nostro territorio abbiamo due grandi eccellenze: la natura ed il turismo. Investire su questi due settori sono attività di tendenza che già oggi registrano le migliori performances. E’ stato fatto un lavoro che sicuramente porterà un vantaggio. Lo abbiamo gestito con un approccio corretto. Se pensiamo che in passato quando si metteva a disposizione un corso formativo si attendevano 12 persone per completarlo e si partiva. Oggi abbiamo fatto un’operazione di massima pubblicizzazione dei corsi per selezionare per elevare lo standard qualitativo dei partecipanti”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*