Enel controlla tremila chilometri di linee elettriche dal cielo

L’ispezione eliportata durerà circa un mese

Enel controlla tremila chilometri di linee elettriche dal cielo

Enel controlla tremila chilometri di linee elettriche dal cielo

Da terra e anche dal cielo, riprendono i controlli incrociati di Enel per garantire un servizio elettrico di qualità, efficiente e continuo, in tutta l’Umbria: “Enel Distribuzione Toscana e Umbria”, infatti, darà il via la prossima settimana alla seconda e conclusiva fase del check-up aereo sulle linee elettriche di media tensione dell’Umbria con un elicottero specializzato che sorvolerà le città e i territori umbri.

Dopo aver già ispezionato circa 1.800 km di linee tra la fine del 2015 e l’inizio del 2016, Enel monitorerà adesso lo stato di salute di circa 3.000 km di cavi aerei di media tensione e di centinaia di sezionatori aerei di manovra: complessivamente, si tratta di una rete elettrica che alimenta oltre 1639 cabine elettriche di trasformazione, 2018 posti di trasformazione a palo che forniscono energia a 149.356 clienti di bassa tensione e a 580 clienti di media tensione.

In particolar modo, i controlli di questa sessione di ispezioni eliportate si concentreranno sui territori di Perugia e Magione (500 km di linee), Città di Castello (850 km di linee), Foligno, Gubbio, Gualdo Tadino e Spoleto (850 km di linee), Terni e Orvieto (800 km di linee). Le cabine primarie, da cui partono le linee che Enel sorvolerà, sono in ordine alfabetico Acquasparta, Arrone, Attigliano, Baschi, Bastardo, Bastia, Castiglione del Lago, Città di Castello, Deruta, Fabro, Fiamenga, Fontivegge, Gualdo Tadino, Gubbio, Magione, Marsciano, Narni, San Pietro, Nara Montoro, Nocera Umbra, Norcia, Orvieto, Patarina, Pietrafitta, Ponte Rio, Preci, Ramazzano, San Giustino, San Sisto, San Gemini, Sansepolcro, Spoleto, Todi, Trestina, Trevi, Umbertide.

La verifica con elicottero, effettuata con tecnologie di ultima generazione, consiste nell’ispezione delle linee aeree, difficilmente controllabili da terra, e rientra nell’ambito delle attività di prevenzione e manutenzione delle linee elettriche. I voli a bassa quota delle linee consentono la rilevazione visiva, ad elevata risoluzione, di eventuali anomalie e la ripresa video della situazione degli impianti. Durante queste ispezioni viene posta particolare attenzione alla presenza di piante nelle immediate vicinanze dei conduttori, allo stato dei sostegni, delle mensole, degli isolatori e dei posti di trasformazione su palo. Le operazioni avvengono con le linee elettriche in tensione, senza ricorrere a interruzioni del servizio e quindi senza disagio per la clientela. Al controllo aereo fa seguito l’analisi di dettaglio dei dati registrati e le eventuali ispezioni mirate dei tecnici Enel che definiscono il successivo piano di interventi.

L’ispezione eliportata durerà circa un mese, dopodiché la Zona Enel Umbria passerà alla fase operativa con le operazioni sul campo in virtù delle esigenze di intervento rilevate nel corso delle ispezioni eliportate.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*