Economia in Umbria? Un “fragile” assestamento, l’analisi di Ires Toscana

Ires Cgil Toscana analizza in dettaglio tutti gli aspetti dell’andamento economico e occupazionale nel 2014

Il 2014 è stato per l’economia umbra un anno di “fragile assestamento”. È questa la definizione scelta dall’Ires Cgil Toscana che, in collaborazione con la Cgil Umbria, ha pubblicato il suo nuovo Focus economico riferito all’ultimo trimestre 2014. “L’economia umbra – scrivono nel rapporto i ricercatori Franco Bortolotti e Marco Batazzi – si è instradata lungo una fase che possiamo considerare di ‘assestamento’ nell’ambito di un contesto ciclico ancora non esente da criticità che possono rallentare il cammino verso la normalizzazione del ciclo”.

Come di consueto, il rapporto dell’Ires analizza tutti gli aspetti dell’andamento economico della regione: pil, reddito, produzione industriale, occupazione, consumi, demografia d’impresa, export, credito, etc. Il quadro che ne emerge, come detto, è assolutamente interlocutorio (“Se la ripresa si affaccerà occorrerà attendere almeno la metà del 2015 per capirne l’intensità”, scrive l’Ires), ma ancora caratterizzato da alcuni elementi di criticità preoccupanti.

In primo luogo l’occupazione, seppure in leggera ripresa rispetto all’andamento estremamente negativo del 2013, resta su livelli lontanissimi da quelli raggiunti prima della crisi, con una perdita di circa 20mila occupati rispetto al 2008. Continua a crescere invece la disoccupazione, che nell’ultimo trimestre del 2014 si colloca al 12,2%, 1,5 punti in più rispetto al dato dello stesso periodo dell’anno precedente. Ma a preoccupare di più, secondo i ricercatori dell’Ires Toscana, sono i dati sulla disoccupazione giovanile (che nel 2014 è salita al 42,5% dal 37,2% del 2013) e sulla disoccupazione di lunga durata (coloro che sono alla ricerca attiva di un lavoro da 12 mesi o più), con un indicatore che si porta dal 4,9% al 5,7%, evidenziando “la presenza di una quota di disoccupati di difficile assorbimento da parte della domanda di lavoro”. Continua inoltre ad aumentare la quota di popolazione tra i 15 e i 29 anni che non studia, non lavora e che non sta neanche facendo uno stage (i cosiddetti NEET), che sale dal 18,9% al 23% raggiungendo un livello pari a circa 29mila unità in termini assoluti (+20,7% sull’anno precedente).

Per la produzione industriale “il miraggio è ancora la crescita zero”, sottolineano i ricercatori dell’Ires, osservando che “il dato medio annuo vede una diminuzione dell’1,8% che costituisce comunque una dinamica migliore del – 2,6% medio registrato nel 2013”.

Un altro campanello d’allarme, messo in evidenza dall’Ires, è quello relativo all’andamento delle esportazioni: “Alla chiusura del 2014 – si legge nel Focus – il valore esportato non va oltre i 3,4 miliardi di euro, 206 milioni in meno rispetto al 2013 (-5,7%)”. Un dato che sconta fortemente il crollo delle vendite estere del comparto “metalli” (-34%), ma che anche depurato da questo fattore resta comunque stagnante (+0%) evidenziando, sottolinea l’Ires, “una difficoltà delle imprese locali nel riuscire modulare la produzione rispetto alle mutate condizioni esterne e al generale riequilibrio della domanda internazionale, nascondendo anche criticità sul piano delle specificità e specializzazioni locali”.

Infine, i consumi restano fortemente negativi. Nel 2014 il calo è stato del 4,1%: “Ciò riflette – spiega l’Ires – una domanda interna ancora in condizioni difficili, in quanto il livello ancora elevato della disoccupazione, che richiederà del tempo per essere riassorbita, imprime un condizionamento non indifferente sulle reali intenzioni di spesa delle famiglie, il cui margine di incertezza rimane elevato, con comportamenti di acquisto caratterizzati da una forte cautela

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*