Crisi Mercatone Uno: presidente Marini “seguiamo direttamente la vicenda con il ministero”

“Stiamo seguendo la situazione di Mercatone Uno direttamente con l’unità di crisi del Ministero per lo sviluppo economico”. E’ quanto afferma la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, rilevando che “l’azienda è dal mese di aprile in Amministrazione straordinaria ex legge Marzano in quanto i parametri di riferimento oltre 3.000 dipendenti ed oltre 500 milioni di indebitamento consentono l’accesso a questa procedura che può consentire la messa in campo di strumenti ed azioni finalizzati alla continuità produttiva ed alla salvaguardia dei livelli occupazionali. In questa fase i commissari incaricati stanno procedendo alla puntale definizione degli aspetti procedurali oltre che alla predisposizione di un piano di intervento finalizzato alla verifica delle condizioni, giuridiche e finanziarie, che possano consentire la prosecuzione delle attività nei 79 negozi dell’azienda operativi sul territorio nazionale”

“Nel corso dell’incontro tenuto presso il MISE nello scorso 27 maggio, la Regione – prosegue la presidente Marini – ha sottolineato la criticità della situazione con riferimento ai livelli occupazionali dell’unità di Magione, rappresentando al contempo l’impegno della Regione per determinare le condizioni di contesto ed infrastrutturali che possano consentire il mantenimento della struttura umbra. In tal senso in quella sede è stato altresì rappresentata l’esigenza di un confronto diretto con gli organi della procedura, al fine di esaminare la specificità della situazione della struttura di Magione nel quadro ed in coerenza con le attività del tavolo nazionale”.

“Al fine di rappresentare compiutamente la situazione e di verificare tutte la possibili azioni a sostegno dei lavoratori e del buon esito della vicenda – ha concluso la presidente – sarà convocato nei prossimi giorni uno specifico incontro con tutti i soggetti interessati.”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*