Bravi (Cgil Umbria), sabato 28 marzo in piazza con la FIOM

Mario Bravi (Cgil)

da Mario Bravi (CGIL)
Il 28 marzo sarò a Roma in Piazza con i metalmeccanici della FIOM CGIL. Ci sarò con il comune giudizio di contrasto nei confronti del jobs act che precarizza ulteriormente il mondo del lavoro e ne riduce i diritti. Ci sarò e ci saremo per riconquistare diritti e contrattazione.

Ci saremo perché la CGIL è in prima fila con tutte le sue categorie per riconquistare un nuovo statuto dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori che includa tutti coloro che oggi ne sono esclusi.

Ci saremo perché come abbiamo sottolineato come CGIL dell’Umbria più volte la crisi non è finita, nonostante i cantori di una ripresa che non si vede.

Basta pensare su questo punto che l’osservatorio nazionale della CGIL sull’andamento della CIG ci dice che nel febbraio 2015 il ricorso ai decreti è aumentato nella nostra Regione del 25%, nonostante il drammatico calo delle risorse a disposizione.

Ci saremo perché siamo convinti che dalla notte lunga e infinita della crisi si esce con politiche economiche alternative basate su un piano del lavoro che ridia centralità e diritti alla parte produttiva del nostro Paese.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*