Bonus acqua, 50 litri gratis al giorno per gli utenti deboli

Siccità, ordinanza Marini per vietare o limitare attingimenti

Acqua-vitalizzata-con-sistema-Grander_imagelargeL’Assemblea Unica dell’Ati 1 e Ati 2 dell’Umbria, riunita a Perugia il 29/04/2014, ha approvato all’unanimità lo stanziamento della somma di 400.000 Euro per l’anno 2014 per le categorie sociali economicamente svantaggiate per ottenere agevolazioni sul pagamento delle bollette del servizio idrico integrato emesse da Umbra Acque S.p.A.

Come da Regolamento dell’Ati n. 1 e Ati n. 2 dell’Umbria, potranno ottenere sgravi in bolletta i nuclei familiari con un indicatore di reddito Isee non superiore a 9.500 Euro, estendendo la platea dei beneficiari delle agevolazioni che fino al 2012 aveva una soglia limite di 8.500 euro. Agli utenti in possesso dei requisiti richiesti verrà concesso un bonus, a titolo di contributo forfettario, pari al valore di 50 litri di acqua al giorno (equivalenti a 18,25 metri cubi all’anno) per ciascun componente del nucleo familiare, definito sulla base della tariffa prevista per la prima fascia di consumo. Per l’annualità 2014 il bonus avrà un ammontare di 18,33 euro a persona: una famiglia composta da tre persone, pertanto, potrà beneficiare di un bonus pari a 55 euro.

Si tratta di un concreto aiuto alle famiglie a basso reddito, ancora più importante in un periodo di difficoltà economica come quello attuale, in un servizio pubblico che riguarda un bene essenziale come l’acqua. La crescente sensibilità ed attenzione per le utenze disagiate è dimostrata dal costante aumento dello stanziamento: si è infatti passati dai 90.641,53 Euro dell’anno 2010 ai 400.000 del 2014.

Per accedere al fondo a sostegno delle utenze disagiate e per ottenere le previste agevolazioni tariffarie, gli utenti aventi diritto potranno presentare ad Umbra Acque S.p.A. (fino a esaurimento della disponibilità di risorse) l’apposito modulo scaricabile al sito www.umbraacque.com e al sito dell’Ati 2 dell’Umbria www.ati2umbria.it, disponibile anche presso gli Uffici di Contatto al Pubblico di Umbra Acque.

Oltre a Perugia e Città di Castello (Comuni capofila), possono accedere agli sgravi i cittadini/utenti dei seguenti Comuni: per l’Ati 1, Citerna, Costacciaro, Fossato di Vico, Gualdo Tadino, Gubbio, Lisciano Niccone, Monte Santa Maria Tiberina, Montone, Pietralunga, San Giustino, Scheggia Pascelupo, Sigillo, Umbertide; per l’Ati 2, Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara, Castiglione del Lago, Città della Pieve, Collazzone, Corciano, Deruta, Fratta Todina, Magione, Marsciano, Massa Martana, Monte Castello di Vibio, Paciano, Panicale, Passignano sul Trasimeno, Piegaro, San Venanzo, Todi, Torgiano, Tuoro sul Trasimeno, Valfabbrica.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*