BILANCIO REGIONE: CORTE DEI CONTI PROMUOVE L’UMBRIA

Umbria, vicepresidente Paparelli: «Economia regionale in ripresa»

economia_0(umbriajournal.com) PERUGIA – “E’ positivo che la Corte dei conti abbia deciso per la ‘parificazione’ del bilancio della Regione Umbria. Si tratta di una ulteriore conferma della capacità della nostra amministrazione di tenere i conti pubblici in ordine”. E’ quanto affermato dalla presidente della Regione Umbria, al termine dell’udienza della sezione regionale della Corte dei conti dedicata all’analisi del rendiconto generale della Regione Umbria per l’esercizio finanziario 2012.

A giudizio della presidente Marini è di particolare rilevanza la decisione della Corte in quanto certifica innanzitutto il pieno rispetto da parte della Regione dei vincoli del Patto di stabilità interna, ed in secondo luogo la validità delle politiche di contenimento dei costi di personale e funzionamento adottate dall’amministrazione regionale.

“Dalle relazioni del Presidente della Sezione umbra, Salvatore Sfrecola, e del Procuratore regionale, Agostino Chiappiniello, emerge con chiarezza – ha proseguito la presidente – che i conti della Regione sono in ordine. Inoltre è stato sottolineato come l’Umbria abbia rispettato i vincoli derivanti dalle manovre finanziarie dello Stato per ciò che riguarda il controllo e la riduzione della spesa pubblica. Così come gli stessi hanno sottolineato il considerevole restringimento della spesa che però poi si traduce in una oggettiva difficoltà nel mantenimento di servizi pubblici adeguati ed efficienti, soprattutto in settori fondamentali come trasporti, sanità e politiche sociali”.

“Certo, se non avessimo avuto i bilanci della sanità in ordine, pesando questo settore per l’82 per cento sull’intero bilancio regionale, il giudizio della Corte probabilmente sarebbe stato inficiato. Voglio infine sottolineare come tale giudizio è frutto sia del governo politico, sia – ha concluso la presidente – di una struttura tecnica regionale competente e professionalmente valida”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*