Ast Terni, tavolo a Ministero; Regione e Istituzioni locali fortemente delusi: non accettiamo rischio che sito umbro perda sua strategicità

ast terni(umbriajournal.com) ROMA – “L’incontro di oggi al tavolo del Ministero dello sviluppo economico con i rappresentanti di Outokumpu sulla vendita dell’Ast di Terni è stato assolutamente insoddisfacente”. È quanto dichiarano i rappresentanti delle istituzioni umbre al termine della nuova riunione sulle procedure per la vendita del sito industriale umbro da parte della multinazionale finlandese, che si è svolta stamani a Roma, nella sede del Ministero dello sviluppo economico, e che è stata presieduta dal sottosegretario Claudio De Vincenti. Al confronto hanno preso parte la presidente Catiuscia Marini e l’assessore allo Sviluppo economico, Vincenzo Riommi, per la Regione Umbria; il presidente Feliciano Polli, per la Provincia di Terni; il sindaco Leopoldo Di Girolamo e l’assessore allo Sviluppo economico Sandro Piermatti, per il Comune di Terni.
“È vero che le regole attuali dell’Unione Europea non sono adeguate perché hanno in parte compromesso la validità del piano di Outokumpu – affermano i cinque rappresentanti delle istituzioni – ma è inaccettabile che in questa fase, con tempi indefiniti, non si possano avere elementi di conoscenza soprattutto riguardo ai piani industriali presentati dai soggetti che hanno presentato offerte di acquisto. Allo stesso tempo, non possiamo permettere che il sito di Terni, primo impianto in Italia per capacità installata e tra i più importanti in Europa per la produzione di acciai speciali, un sito strategico per l’industria siderurgica e per l’economia dell’Umbria e di tutto il Paese, rischi di perdere la sua strategicità”.
“Non è ammissibile che prosegua un processo di indebolimento progressivo delle Acciaierie di Terni e delle sue capacità produttive, del suo valore industriale – aggiungono – Condividiamo le preoccupazioni espresse oggi anche da tutte le organizzazioni sindacali e dei lavoratori, così come apprezziamo che il Governo si sia assunta la responsabilità di gestire ai massimi livelli questa vicenda. Condividiamo, pertanto, anche la precisa richiesta del Presidente del Consiglio dei ministri contenuta nella lettera inviata al Presidente della Commissione europea Barroso e al commissario alla Concorrenza Almunia, con la quale si invita la Commissione a definire una proroga della procedura di cessione dell’Ast di Terni in tempi stretti e, soprattutto, in funzione del miglioramento delle offerte di acquisto per ciò che riguarda in primo luogo il piano industriale dell’acquirente e la necessità che dia garanzie per il futuro del sito integrato di Terni”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*