AST TERNI, I SINDACATI AI VERTICI THYSSEN “SUBITO IL PIANO INDUSTRIALE”

ThyssenKruppPrimo incontro tra i sindacati di categoria e Joachim Limberg, presidente del Management Board della Business Area Materials Services della ThyssenKrupp nella quale sono stati collocati il Gruppo Ast, Vdm e i Centri di Servizio provenienti da Outokumpu, compreso Terninox, come già annunciato nelle comunicazioni scorse.

Il presidente Limberg ha rappresentato l’organizzazione dell’Area Materials mostrando il suo business e la sua missione industriale all’interno del Gruppo TK prevalentemente orientata alla logistica, alla distribuzione materiali e dei servizi. Delle sei business area in cui è organizzata ThyssenKrupp, la Materials è, per fatturato, la più importante e, a detta di Limberg si è ritenuto inserire Ast in questa divisione per potenziarla attraverso la rete commerciale che ha punti di riferimento in tutto il mondo.

“Come organizzazioni sindacali – scrivono le segreterie provinciali di Fim, Fiom, Uilm, Fismic e Ugl – abbiamo fatto presente a Limberg che non abbiamo ritenuto utile nel metodo la lettera inviata ai lavoratori prima del confronto odierno, e rispetto ai contenuti della stessa lettera, confermati nella riunione, abbiamo ribadito  alcune perplessità, una delle quali in merito all’autonomia commerciale di Ast che, così concepita, potrebbe trasformare le Acciaierie in un futuro in un centro di costo”.

“Come organizzazioni sindacali – è scritto in una nota – abbiamo altresì evidenziato di voler conoscere il Progetto industriale e il relativo Piano industriale che per noi rappresenta l’elemento sul quale si potranno verificare gli impegni concreti che ThyssenKrupp manterrà su Terni e quelle certezze per garantire l’unitarietà del Sito con tutte le società controllate. E’ stato ribadito, a questo proposito, che per noi è di fondamentale importanza la difesa dell’assetto impiantistico, il potenziamento dei volumi dell’area a freddo, anche attraverso una politica di investimenti per l’innovazione e la ricerca pure per la sostenibilità ambientale, il mantenimento dei volumi dell’area a caldo al fine di salvaguardare quanto con sacrificio costruito fino ad oggi. Come organizzazioni sindacali abbiamo evidenziato che dal punto di vista dei sacrifici  i lavoratori hanno già dato molto”.

Il presidente Limberg ha apprezzato quanto sollevato, rivelando di voler lavorare insieme al management locale per elaborare un progetto industriale sul quale terrà conto delle sollecitazioni delle organizzazioni sindacali.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*