Unipegaso

Assessore Vinti scrive al presidente del consiglio Renzi

Stefano Vinti
Stefano Vinti
Stefano Vinti

A fronte di un aumento di richieste, negli anni il Governo stanzia sempre meno risorse per l’abbattimento delle barriere architettoniche negli edifici privati, e così l’assessore regionale alle politiche per la casa, Stefano Vinti, si rivolge direttamente al presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi, per richiamare la sua attenzione sul delicato problema.
“La Giunta regionale dell’Umbria, lo scorso 12 maggio, ha determinato il fabbisogno per far fronte alle richieste dei cittadini per l’abbattimento delle barriere architettoniche negli edifici privati, che ammonta per il solo 2014 a 797 mila 336,47 euro – rende noto Vinti – Complessivamente in Umbria, i cittadini aventi diritto al sostegno economico per il superamento delle barriere architettoniche in edifici privati sono 1.621, di cui 1.235 in provincia di Perugia e 386 in provincia di Terni. I contributi arretrati – spiega l’assessore Vinti – ammontano a 5 milioni 791.561,51 euro nella provincia di Perugia, di cui nel solo comune di Perugia 1.154.706,27 euro e 1.733.033,10 euro nella Provincia di Terni, 1.060.264,71 nel solo comune di Terni. Se al fabbisogno accertato per il 2014, pari a 7.524.594,61, si aggiungono le somme anticipate dalla Regione Umbria dal 2002, pari a 4.773.742,82 euro, il totale che il governo dovrebbe alla nostra regione è di 12.298.337,43 euro”.
L’assessore Vinti ha quindi sottoposto la questione in una lettera inviata al Presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi, il 4 giugno 2014: “Si rappresenta – ha scritto l’assessore al presidente Renzi – che l’esigenza di attuare la legge del 9 gennaio 1989 n.13 -‘Disposizioni per favorire il superamento e l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati’, è molto avvertita dai cittadini ed è sentita fortemente proprio nella fascia di cittadinanza più debole, in quanto si va a fornire un sostegno che, pur modesto, è comunque estremamente esteso nel numero di beneficiari, e ciò diventa ancor più significativo nell’attuale situazione economica”.
“Visto che anche il bilancio regionale è stato sottoposto a tagli molto pesanti – prosegue l’assessore – è difficilmente ipotizzabile da parte della Regione Umbria, un ulteriore impegno diretto, oltre quello già affrontato negli anni precedenti, per alleviare i mancati trasferimenti del governo centrale. La Giunta regionale infatti, dal 2002 al 2012, ha anticipato risorse pari a 4.773.742,82 euro del proprio bilancio, cifra insufficiente per coprire il fabbisogno complessivo degli aventi diritto che, ovviamente, in questi ultimi anni sono ulteriormente aumentati”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*