Appalti pubblici: grande partecipazione al corso svolto oggi a Villa Umbra

Oltre 130 partecipanti al seminario di approfondimento, svolto oggi 30 aprile a Villa Umbra, sulle nuove modalità di verifica dei requisiti negli appalti pubblici, il sistema AVCPASS. Questo corso rappresenta una vera e propria guida operativa al funzionamento del sistema AVCPass – ha sottolineato Alberto Naticchioni, Amministratore unico della Scuola – e, considerando la grande partecipazione di oggi, l’apprezzamento per il docente e il notevole interesse riscontrato in materia, la Scuola ha previsto un’ulteriore edizione per l’11 maggio 2015.

Dopo un breve inquadramento normativo, il docente Fregnan Cristina, Funzionario del Comune di Ferrara ha portato simulazioni pratiche sui principali passaggi previsti dalla procedura (creazione e gestione del gruppo di verifica, acquisizione partecipante, comprova requisiti, aggiudicazione, fascicolo post-aggiudicazione), evidenziandone anche i profili di criticità.

In particolare, durante la giornata, è stato fatto il punto sul quadro normativo degli appalti pubblici ed il sistema operativo Avcpass. In particolare sono stati trattati gli argomenti cardine come la Banca Dati Nazionale sui Contratti Pubblici (BDNCP); l’art. 6-bis del d.lgs 163/2006 e la delibera Avcp n. 111/2012; la comprova dei requisiti di carattere generale e i requisiti di carattere speciale di cui all’art. 48 del d.lgs 163/2006 e la parziale applicazione alle micro, medie e piccole imprese; l’impatto del nuovo art. 38 comma 2-bis del d.lgs 163/2006 e il nuovo soccorso istruttorio obbligatorio.

Per quanto concerne Il sistema operativo Avcpass, la docente ha analizzato il CIG e la gestione dei requisiti; il PassOE e le criticità del sistema; la registrazione dei soggetti incaricati della verifica dei requisiti; l’acquisizione dei partecipanti e la loro gestione; la verifica dei requisiti; le modalità di acquisizione dei documenti non ancora reperibili tramite sistema; la distinzione tra graduatoria e aggiudicazione e la conservazione dei documenti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*