Valnestore, Lega Nord, il PD contraddice sé stesso

“La vicenda è gravissima, i cittadini non ridono di fronte al teatrino politico del centrosinistra”

Valnestore, Leonelli chiede discussione urgente

Valnestore, Lega Nord, il PD contraddice sé stesso

Siamo allibiti dall’atteggiamento del Partito Democratico sulla vicenda Valnestore. Ormai quasi quotidianamente leggiamo gli interventi del segretario regionale Leonelli che rassicura i cittadini circa le opere di bonifica finora mai attuate e ancora tutte da programmare. Dall’altra parte, invece, leggiamo del Partito Democratico locale che, nonostante l’evidenza dei dati circa l’andamento tumorale della zona e dei fatti ormai acclarati dalle indagini della Procura, minimizza la vicenda bollandola come “sciacallaggio giornalistico”.

A questo punto ci interessa capire quale sia la posizione ufficiale del Pd in merito alla questione, considerando poi che proprio il Pd ha governato quei territori negli anni dal dopoguerra ad oggi, cioè nel periodo in cui non solo la centrale di Pietrafitta utilizzava il territorio come propria discarica, ma nel periodo in cui rifiuti di dubbia consistenza provenivano da numerose parti d’Italia. Lo stesso Pd che oggi si diletta in un teatrino di bassa politica, contrapponendo, tramite i suoi rappresentanti, dichiarazioni di natura completamente opposta.

Vogliamo sia chiaro il percorso che si intende perseguire da qui in avanti per restituire ai cittadini il territorio che meritano. A tal proposito, in sede di Consiglio Regionale dello scorso martedì, abbiamo ribadito la necessità di riaprire i lavori della Commissione regionale sui rifiuti, provvedere alla mappatura delle aree a rischio e avviare la conseguente stesura di un serio piano di bonifica. In attesa dell’esito delle indagini della Procura, auspichiamo, inoltre, di conoscere le responsabilità sia tecniche che politiche in merito alla vicenda, affinchè chi ha sbagliato paghi.

Emanuele Fiorini, Capogruppo Lega Nord Umbria
Valerio Mancini, Consigliere regionale Lega Nord Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*