Tutela del paesaggio dell’Umbria, Claudio Ricci ha delle idee, vediamo quali

Il consigliere interroga la Giunta Regionale

Tutela del paesaggio dell'Umbria, Claudio Ricci ha delle idee, vediamo quali
PAESAGGIO UMBRO

Tutela del paesaggio dell’Umbria, Claudio Ricci ha delle idee, vediamo quali
PERUGIA – Le istituzioni internazionali, come l’Unesco, stanno definendo “raccomandazioni”, come quella sul “paesaggio storico urbano” (che dovranno essere recepite dagli Stati membri), anche per “riprogettare” armonia fra costruito architettonico e paesaggio.

CLICCA PER LA SINTESI DEL PROGETTO

I caratteri identitari dell’Umbria, sul piano paesaggistico, nonché un equilibrato sviluppo socio economico e turistico, necessitano di una “progettazione strutturata” del verde sia in termini quantitativi che qualitativi (nel restauro e per le nuove architetture).

In una “mozione propositiva” (presentata in Consiglio Regionale) si chiede, alla Giunta Regionale, di elaborare, con l’Università degli Studi di Perugia, linee guida, da far adottare (attraverso la modifica del testo unico in materia urbanistica, Legge Regionale n.1 del 2015) ai comuni dell’Umbria per il progetto del verde (nel restauro dell’edilizia esistente e per “ottimizzare l’impatto ambientale” sulle nuove architetture) negli interventi “puntuali” (singoli edifici, in particolare se “sparsi” e classificati di pregio) o estesi in area urbana ed extra urbana (progetti privati e pubblici).

A realizzare, utilizzando fondi strutturali dell’Unione Europea come il PSR Piano di Sviluppo Rurale, dei “modelli prototipo” di progetto del verde anche includenti tecnologie mimetiche (“piante sintetiche” che, utilizzando nuovi materiali flessibili e fotovoltaici, producono energia rinnovabile e migliorano la qualità dell’aria).
Claudio Ricci
(Consigliere Regionale).

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*