A Ponte Felcino un esempio di vivibilità della casa passiva

Intervista su vivibilità casa passiva
Intervista su vivibilità casa passiva
Nel programma di  “Medicina 33” ( sul canale Rai 2 )  giovedì 3 Marzo alle ore 13,30 circa, andrà in onda un servizio realizzato dalla giornalista della Rai, Simona Burattini,  che tratterà l’argomento sulla vivibilità della casa passiva ed in particolar modo ciò che concerne la tutela e la salvaguardia della salute e il benessere delle persone che vi abitano.
Per dare un esempio pratico di questa tipologia di costruzioni eco compatibili, è stata presa a modello una casa realizzata in Umbria, tutta  in legno, cosiddetta appunto passiva,  nei pressi di Ponte Felcino  ( zona San Felicissimo):  è una struttura abitativa moderna considerata  “del futuro”  in grado di garantire massima funzionalità e allo stesso tempo di offrire un grande risparmio energetico.
Una troupe della Rai è andata a girare le immagini presso la casa realizzata dal  Green Project Management  Mister Johannes Hermel titolare dell’azienda Casambiente ( ndr . che è anche la sua residenza)  per documentare le sue avveniristiche caratteristiche quali : ventilazione controllata ( in grado di gestire anche il flusso e riciclo di aria pulita all’interno degli ambienti ) ; vetrate termoisolanti;   isolamento termico;  tecnologie alternative avanzate che permettono, tra l’altro,  di eliminare l’utilizzo del gas anche per le esigenze della cucina;  illuminazione naturale ed altro ancora,  il tutto  grazie alla guidai ( come intervista)  effettuata dagli ingegneri e Beatrice Marconi e Luca Sonno ,  grandi esperti in materia  e rappresentati della Optima Energia, importante azienda che opera nel settore del risparmio energetico.  L’elemento che sarà trattato in maniera specifica riguarderà la ventilazione controllata che in una casa passiva  garantisce aria fresca e pulita e alla giusta temperatura. L’aria esterna, filtrata da polvere e pollini è assorbita dallo scambiatore d’aria.
Il processo, illustrato nel video documentario,  può essere preceduto da un preriscaldamento o pre-raffreddamento dell’aria in entrata attraverso diverse modalità. Pertanto l’aria consumata e i cattivi odori provenienti da cucina e bagno, nonché l’umidità eccessiva vengono assorbiti e espulsi dalla casa senza significativa perdita di calore.  La ventilazione controllata è fondamentale e aumenta il comfort abitativo.  Il fabbisogno di aria fresca e pulita all’interno delle case è di grande importanza per la salute. In media bisognerebbe arieggiare l’abitazione diverse volte al giorno. Questa pratica non è sempre possibile e per questo motivo spesso si crea umidità e condensa all’interno della casa con conseguente formazione di muffe, molto pericolose per la salute. Anche gli acari vivono e si riproducono con immensa facilità in un ambiente interno povero di ossigeno.

casa passiva

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*