Zone Degrado Permanente, continua la denuncia di Perugia: Social City [VIDEO]

Tutti possono e debbono contribuire! 

Zone Degrado Permanente, continua la denuncia di Perugia: Social City

Zone Degrado Permanente, continua la denuncia di Perugia: Social City

da Giampiero Tamburi (Coordinatore P:SC)
PERUGIA – Continua, attraverso la pagina Facebook, da parte di “Perugia: Social City, la denuncia alla collettività cittadina delle, da noi chiamate, ZDL (Zone Degrado Permanente), della nostra città.  Tutti possono e debbono contribuire! Purtroppo nella nostra bella Perugia, esistono, oltre che la Zona Traffico Limitato (ZTL) anche le Zone Degrado Permanente (ZDP) e ne abbiamo sempre qualche esempio in qualsiasi parte della città abitiamo.

Le colpe? Sicuramente qualcuno le ha! Amministratori, cittadini, criminalità, insomma; chi si adopera a procurarlo (la collettività che non ha rispetto del prossimo) e chi non si adopera per toglierlo (amministratori, aziende private, ecc).

Clicca per il servizio videosu Umbria Journal TV

Ne esistono, naturalmente diversi di degradi che vanno dai rifiuti lasciati a marcire nelle strade o nei posti più impensati fino a strutture murarie che cadono a pezzi e fanno disonore alla civiltà che noi rappresentiamo, passando per quelli degli spazi verdi pubblici, lasciati a se stessi senza una minima opera di intervento che garantisca una fruibilità minima in piena sicurezza ed igiene.

Abbiamo creato questa pagina di Facebook (https://www.facebook.com/Fotografiamo-le-ZDP-della-città-2003505679860850/?modal=admin_todo_tour) non solo per un rimprovero indiretto a tutti quelli, amministratori, operatori e cittadini, che con la loro superficialità di comportamenti o di non intervento lasciano in questo stato ma, soprattutto come punto di riferimento perché ognuno di noi, ha il diritto di conoscere la situazione reale della nostra città.

Spetta a tutti noi fare in modo che sia utile questo nostro intervento, fotografando e denunciando ciò che non va, su questi problemi, nella nostra bella Perugia.  Non resta altro che fotografare e pubblicare il degrado, dovunque esso sia.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*