Violentò minore, dopo carcere viene rimpatriato

164esimo anniversario della Fondazione della Polizia di Stato
Polizia

Violentò minore, dopo carcere viene rimpatriato.
Ieri gli agenti dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Perugia, diretti dal Vice Questore Aggiunto Maria Rosaria De Luca, hanno eseguito una espulsione con rimpatrio immediato nei confronti di un operaio 63enne ecuadoriano, coniugato, da tempo residente nella zona di Gubbio.

Il provvedimento è stato adottato d’urgenza perché nella mattinata lo straniero era stato scarcerato dalla Casa di Reclusione di Spoleto per fine pena.

L’ecuadoriano è stato quindi scortato in Questura ove si è valutata assolutamente incompatibile con le norme sull’immigrazione la sua ulteriore permanenza sul territorio italiano.

Difatti l’uomo, dopo che per dieci anni aveva condotto una condotta regolare e una vita irreprensibile, con permesso di soggiorno puntualmente rinnovato, nel 2012 si era macchiato di reati veramente gravi.

Veniva infatti arrestato dai Carabinieri di Gubbio in flagranza di reato per violenza sessuale su minore; ad inchiodarlo alle sue responsabilità non solo le testimonianze dei suoi ripetuti palpeggiamenti nei confronti di una ragazzina di 8 anni, ma anche il materiale pedo-pornografico ritrovato dai militari nella sua abitazione.

Il provvedimenti di espulsione, dopo la convalida del Giudice di Pace, è stato immediatamente eseguito; i poliziotti in serata lo hanno scortato fino all’Aeroporto di Fiumicino ove è partito con il primo volo diretto in Sudamerica ove farà scalo per imbarcarsi per Quito.

Non potrà più rientrare in nessun paese della U.E. .

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*