VIGILI DEL FUOCO: INTERVENTO PER INCIDENTE FERROVIARIO

deragliamento trenopost M. Zingales (UJ.com3.0) PERUGIA – L’intervento dei VVF per il soccorso alle persone che si trovavano nella carrozza ferroviaria del convoglio proveniente da S. Sepolcro e diretto a Perugia è stato condotto da tre squadre, quella del Distaccamento di Città di Castello (5 unità con due mezzi) che dopo pochi minuti erano presenti sul posto, subito dopo sono arrivati sul posto altre cinque unità della prima partenza della sede centrale di Perugia ed altre tre unità SAF (speleo alpino fluviale).
La carrozza ferroviaria adagiata su di un fianco presenta una inclinazione di circa 70 gradi per cui una delle uscite, quella della parte sottostante era impraticabile in quanto poggiata sulla scarpata, l’altra si trovava sospesa a circa tre metri di altezza.

In questo scenario l’uscita dei passeggeri, per quelli che hanno riportato solo lievi danni è stata possibile nella parte sottostante dai finestrini della carrozza ferroviaria, per gli altri e per quelli che hanno avuto necessità della barella l’unica uscita utilizzabile è stata quella posta in alto su cui sono state poggiati pezzi della “scala italiana” dei VVF .
Con queste tecniche sono state portate in salvo circa25 persone; sul posto sono intervenute alcune ambulanze del servizio 118 che hanno provveduto al trasporto dei feriti all’Ospedale di Città di Castello, Umbertide e Perugia.

Una simile posizione della carrozza con il pavimento posto quasi in verticale ha reso estremamente difficoltose le operazioni di soccorso che sono state comunque portate a compimento nel volgere di alcuni minutianche grazia al fatto che le persone coinvolte non hanno riportato danni significativi.

Il personale VF ha quindi messo in sicurezza il convoglio ferroviario ed è rimasto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria per i necessari accertamenti tecnici.

Sulle cause del sinistro sono ancora in corso accertamenti anche se è ben visibile l’interessamento del binario (entrambe le rotaie) da una consistente massa di terreno e di pietre provenienti dalla scarpata soprastante.

Sul posto le operazioni di soccorso sono state coordinate dal funzionario di Turno e quindi dal Comandante Provinciale Stefano Marsella.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*