Va rubare col complice, ragazza schiaffeggia commessa, scattano denunce per entrambi

Soldi falsi in un supermercato in Centro a Perugia, ma non gli va bene

Nelle ultime ore i carabinieri della Compagnia di Perugia sono riusciti a identificare e denunciando a piede libero due perugini responsabili di furto aggravato in concorso di alcuni capi di abbigliamento, scarpe e diverse bottiglie di liquore presso un centro commerciale del capoluogo umbro.

I due giovani, una donna e un uomo, rispettivamente di 20 e 40 anni, entrambi nullafacenti e già gravati da precedenti analoghi, nel pomeriggio di qualche giorno fa, sono entrati all’interno di un negozio di scarpe e si sono impossessati di alcuni capi di abbigliamento e scarpe. Pensando di aver agito indisturbati, dopo aver rimosso i dispositivi anti taccheggio, i due si affrettavano a uscire dal negozio. Oltrepassate le barriere delle casse, però, il personale dell’attività commerciale che aveva notato il movimento sospetto dei giovani, tentava di bloccarli prima che questi si potessero dare alla fuga, allertando nel frattempo i carabinieri. La ragazza, dopo aver sferrato uno schiaffo a una commessa, veniva raggiunta dal personale della vigilanza, mentre il complice riusciva ad approfittare della confusione per dileguarsi con parte della refurtiva facendo perdere le proprie tracce.

Poco dopo giungeva sul posto una pattuglia dell’Aliquota Radiomobile che fermava e identificava la giovane, denunciandola per essersi resa responsabile di rapina e furto aggravato in concorso. Dopo aver restituito parte della refurtiva rinvenuta sulla giovane, i carabinieri si ponevano immediatamente sulle tracce del complice.

A seguito di accertamenti emergeva che i due malviventi poco prima si erano resi responsabili anche di un altro furto, avendo asportando dall’attiguo supermercato alcune bottiglie di vino.

Ad incastrare anche il complice sono state le telecamere di videosorveglianza del supermercato, che ritraevano i due ladri in azione. I carabinieri, dopo aver visionato attentamente le immagini delle telecamere dell’esercizio commerciale che ritraevano i due complici intenti a sottrarre le bottiglie di liquore per nasconderle nella borsa della donna, riconoscevano la giovane che avevano già denunciato per il furto all’interno del negozio di scarpe. Da ulteriori accertamenti conseguenti alla visione delle immagini riprese dalle telecamere corroborati dai riconoscimenti fotografici dei testimoni presenti nel supermercato al momento dell’accaduto, i militari riuscivano, dunque, ad individuare anche il complice della donna denunciandolo per essersi reso responsabile di furto aggravato in concorso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*