In un anno e mezzo 149 donne vittime di violenza sono ricorse alle cure dell’Ospedale

Il dg Duca ringrazia il personale sanitario per il rispetto del percorso dedicato 

In un anno e mezzo 149 donne vittime di violenza sono ricorse alle cure dell’Ospedale

In un anno e mezzo 149 donne vittime di violenza sono ricorse alle cure dell’Ospedale PERUGIA – In occasione della Giornata Internazionale della donna, l’Azienda Ospedaliera di Perugia ricorda che da  un anno  e mezzo è stato attivato un percorso dedicato, con  cure in un locale appositamente predisposto, per le donne vittime di violenza. Sono 149 le donne  ricorse alle cure del personale sanitario dell’ospedale S. Maria della Misericordia di Perugia dal Novembre del 2015 ad oggi.

Un dato che evidenzia la entità di un fenomeno in evidente crescita, e per  sottolineare la necessità di mantenere alta  l’attenzione, nella mattina dell’8 Marzo, il direttore generale  Emilio Duca ha voluto ringraziare il personale del  Pronto Soccorso “ per l’impegno profuso a favore delle donne, accolte con  priorità per ricevere assistenza medica e psicologica, in stretta collaborazione con i centri antiviolenza e le forze dell’ordine”.

Fortunatamente solo dieci donne hanno subito lesioni particolarmente impegnative, in alcuni casi  con gravi fratture  e postumi di carattere permanente, ma, come viene sottolineato da quanti si occupano del  fenomeno, la  violenza quasi mai si inquadra  in un episodio isolato. “Al suo arrivo in pronto soccorso, la donna  viene subito accompagnata  in “sala rosa”, uno  spazio dedicato a chi già durante la fase di “triage” riferisce di aver subito violenza – ricorda il direttore del Pronto Soccorso Mario Capruzzi- . Purtroppo i casi di violenza sommersa sono ancora tanti, ma  medici  e  personale infermieristico non hanno alcuna possibilità di sollecitare informazioni dalla donna ferita, in caso di  un suo diniego”. Sempre analizzando i dati delle donne ricorse alle cure dei sanitari  è emerso  che la fascia di età  più frequente  è quella tra 20 e 45 anni.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*