Umbertide, sequestrati oltre 26 chili di droga e arrestato un 30enne [FOTO E VIDEO]

Un cittadino, un cane e i Carabinieri. Sembra la trama di qualche serial tv e invece è tutta realtà. Insieme, collaborando, si può stroncare lo spaccio di droga. E’ accaduto in Alto Tevere ad Umbertide, dove una persona ha visto dei movimenti sospetti sotto al cavalcavia della E45 e ha avvisato i Carabinieri. Da Firenze è arrivato “Goran” meraviglioso pastore tedesco – prossimo alla pensione – che in un attimo ha trovato 26 kg di hashish, divisi in panetti da 100, 500 e 1000 grammi, più 70 grammi di cocaina. I carabinieri del comando di Città di Castello, al seguito del capitano Alfredo Cangiano, hanno immediatamente capito chi era lo spacciatore, un marocchino di 30 anni già conosciuto dalle Forze dell’Ordine, l’hanno seguito.

L’africano ha incontrato due tossici nel centro di Umbertide. Presa, come si dice, l’ordinazione il magrebino è andato di filata sotto al cavalcavia, ma l’aspettava un’amara sorpresa: la droga che aveva sotterrato e nascosto in almeno 15 punti, non c’era più. “Si è disperato non poco – ha detto il capitato Cangiano in conferenza stampa questa mattina a Perugia, cui ha partecipato anche il comandate provinciale Colonnello, Fiore -, proferiva parole in arabo e inveiva”.

La squadra era pronta e, prima che il marocchino se ne andasse con la sua auto, è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto. Gli elementi probatori, però, erano così forti che il gip, ieri, ha deciso per trasferirlo immediatamente nel carcere di Capanne. Per rendersi conto dell’eccezionale importanza del sequestro, basti pensare che dall’hashish recuperato si sarebbero potute ottenere circa 55.000 singole dosi. La droga, una volta venduta al dettaglio, avrebbe fruttato quasi 300.000 euro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*