Tunisino geloso di trans brasiliano, ex “fidanzato”, l’aggredisce ferendolo, arrestato

transessuale
transessuale

PERUGIA – Intervento delle Volanti nella notte a Madonna Alta ove un guardiano giurato, durante la propria attività ispettiva , si era imbattuto in una donna seminuda – in realtà transessuale –  e con il volto sporco di sangue che usciva frettolosamente da un abitazione riferendo di aver paura in quanto era stata minacciata di morte.

La guardia,  vedendo uscire un uomo dalla medesima abitazione, faceva salire la donna nella macchina di servizio e chiamava la Polizia che,  giunta sul posto, dapprima rintracciava l’uomo da cui la donna scappava e tranquillizzava la situazione. Gli agenti della Volante apprendevano che da pochi mesi i due avevano terminato una relazione sentimentale con l’uomo, un tunisino 25 enne noto alle forze di polizia,  non  rassegnandosi sulla fine della relazione, attuava ripetutamente condotte violente nei confronti dell’ex compagno, un trans brasiliano 32enne, e che per tali fatti aveva più volte inoltrato denunce alla A.G. .

Nella serata il tunisino aveva chiamato ripetutamente al cellulare il brasiliano che si trovava da solo in casa, ma non ottenendo risposta,  aveva raggiunto l’abitazione dell’ex convivente supponendo la presenza di altre persone. Prima ha bussato con forza sulla porta d’ingresso e poi visti vani i suoi tentativi, si era portato alla finestra e aperto con forza la persiana, danneggiandone la cerniera inferiore;  con violenza ha aperto  la finestra infrangendo il vetro e lesionandone il telaio inferiore. Una volta entrato, in preda alla gelosia, ha  proferito parole minacciose .

A questo punto il brasiliano, temendo per la propria incolumità personale, tentava di scappare attraverso la finestra ma veniva raggiunto dal tunisino che afferrandolo dalla maglia gliela strappava e, subito dopo, afferrava un coltello da cucina posto sul vicino tavolo colpendolo al volto e provocandogli un taglio. Nonostante ciò, il brasiliano riusciva a fuggire dal suo appartamento arrivando fino alla porta del vicino di casa per chiedere aiuto ma veniva subito raggiunto dall’ex fidanzato; a quel punto,  scappava sulla strada urlando aiuto. Alla luce della dinamica accertata il tunisino veniva tratto in arresto per i reati di “violazione di domicilio aggravata e lesioni personali aggravate”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*