Truffe online scattano tre denunce dei Carabinieri

I militari del Comando Stazione Carabinieri di Cascia, a conclusione di approfondita attività di indagine, hanno individuato e deferito in stato di libertà tre truffatori seriali, autori, di altrettanti episodi criminosi, ovvero truffe on-line perpetrate in danno di residenti.

Enel, attenti alle truffe via email

Truffe online scattano tre denunce dei Carabinieri

I militari del Comando Stazione Carabinieri di Cascia,  a conclusione di approfondita attività di indagine, hanno individuato e deferito in stato di libertà tre truffatori seriali, autori, di altrettanti episodi criminosi, ovvero truffe on-line perpetrate in danno di residenti.

PRIMA INDAGINE

Nella prima circostanza l’ignaro acquirente rispondeva ad un annuncio su un famoso sito on-line  per l’acquisto di un mezzo agricolo. Concordato il prezzo per l’importo di 2.700,00 € comprensivo delle spese per il trasporto del mezzo, l’acquirente effettuava così la ricarica sulla postapay del venditore per l’importo concordato e dopo qualche giorno, notando il ritardo nella consegna, tentava di contattare nuovamente l’inserzionista che nel frattempo si rendeva irreperibile. Resosi conto della truffa subita, si rivolgeva al Comando Arma locale per denunciare l’accaduto.

L’indagine, che si è sviluppata in brevissimi tempi, portava all’identificazione e al successivo deferimento in stato di libertà di un soggetto, pregiudicato, 37enne della provincia di Bergamo, resosi autore, già in passato, di analoghi episodi.

SECONDA INDAGINE

La seconda investigazione ha preso il via in seguito ad una truffa perpetrata in danno di una 43enne residente nel territorio. La donna, intenzionata all’acquisto di un moderno elettrodomestico Bimby rispondeva all’annuncio presente sul medesimo sito di acquisti on-line dove, in seguito all’accordo telefonico con il presunto venditore, effettuava una ricarica sulla sua carta postepay per un importo di 550,00 €. Dopo qualche giorno vedendo che l’elettrodomestico acquistato non veniva consegnato, si rendeva presto conto di essere stata vittima di una truffa. Effettuando un controllo sullo stesso sito, notava infatti che l’oggetto, da lei acquistato era nuovamente in vendita ad un prezzo superiore. Le successive indagini portavano all’identificazione ed alla denuncia in stato di libertà di una donna quarantenne, incensurata, residente a Taranto.

TERZA INDAGINE

L’ultima indagine, in ordine di tempo, portata a buon fine dai militari è iniziata con la denuncia presentata da un giovane residente, il quale, dopo aver risposto ad un annuncio di una consolle play station 4 sul sito di vendite on-line “Subito.it” e di alcuni giochi definiva il prezzo per l’acquisto del materiale per 250,00 €. L’ignoto venditore, pur di  guadagnare la fiducia dell’acquirente si presentava come appartenente alla Polizia di Stato in servizio presso una Questura del nord Italia. Il giovane, così convinto della bontà dell’annuncio, effettuava subito la ricarica dell’importo concordato sulla postepay comunicata. Dopo qualche giorno non vedendo arrivare la merce e notando che la merce precedentemente acquistata era nuovamente in vendita, si è rivolto a Carabinieri. I militari dopo accurate indagini  giungevano all’identificazione e il successivo deferimento in stato di liberta di un soggetto 33enne residente a Sassari, pregiudicato per reati specifici.

Truffe

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*