Unipegaso

Truffa dello specchietto fare attenzione nella zona del Perugino

chiamate i carabinieri o la polizia, vedrete in quel caso come spariscono 

Truffa dello specchietto fare attenzione nella zona del Perugino

Truffa dello specchietto fare attenzione nella zona del Perugino

Da Eraldus Hammer
PERUGIA – Segnalato questa mattina un episodio di tentativo di truffa nel parcheggio del centro commerciale di Collestrada. La tecnica è sempre la stessa danno un colpo al vostro specchietto retrovisore poi vi accusano di aver provocato loro un danno cercando alla fine di concludere con un risarcimento immediato in danaro. Spesso agiscono in luoghi molto affollati e in questo periodo di ferie approfittano anche della spensieratezza della gente.  Se vi capitasse una situazione simile e non siete sicuri di esserne responsabili chiamate i carabinieri o la polizia, vedrete in quel caso come spariscono. Quindi fate attenzione ad una grande punto nera con due uomini a bordo.

La truffa dello specchietto è purtroppo utilizzata da anni, e consiste nel far credere al malcapitato di aver rotto lo specchietto durante il sorpasso. Il malvivente costringe, procedendo a velocità estremamente bassa, il malcapitato al sorpasso, ed è qui che tutto entra in scena. Quando le due auto sono affiancate il truffatore produce un rumore sordo per simulare la rottura dello specchietto al passaggio dell’auto, dopo il quale comincia ad intimare all’auto che l’ha precedentemente superato di fermarsi (colpi di clacson, lampeggio degli abbaglianti…).

Quando il povero malcapitato si è fermato il truffatore comincia a convincerlo dell’effettiva rottura dello specchietto durante la manovra di sorpasso: in realtà tutto viene simulato, poichè lo specchietto sarebbe stato appositamente rotto in precedenza ed il suono prodotto con un bastone o qualche altro oggetto.

Da qui comincia la richiesta di risarcimento dal finto danneggiato, che pretende il rimborso in contanti del valore dello specchietto, cercando di bypassare eventuali richieste di compilazione di constatazione amichevole con scuse quali la fretta di raggiungere una destinazione.

Noi consigliamo di non dare mai del denaro contante a persone in casi simili, ma si spingere sempre per la compilazione del CID o, addirittura meglio, informare le Forze dell’Ordine e farle pervenire sul posto.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*