Tragedia in Ospedale, va per farsi medicare e dopo si suicida

Sedicenne investito in via Turati a Terni, è grave

Tragedia in Ospedale

Provoca incidente e va al pronto soccorso a farsi medicare. Niente di grave, né per lui, un perugino di 45 anni, né per l’altra persona coinvolta nel sinistro. Il 45enne attendeva in medicheria per farsi medicare alcune abrasioni. Ad un certo punto è scomparso. L’uomo è stato trovato morto in una stanza accanto della medicheria del Santa Maria della Misericordia. Lo hanno trovato gli infermieri nella saletta attigua.  Da quanto appreso pare si sia suicidato. È successo alle 20.40 del 21 luglio 2015. Sul posto si è recata la polizia Scientifica della Questura di Perugia per le indagini di rito. La tragedia, in ospedale quindi, si è consumata rapidamente e non trova apparenti ragioni. Per il 45enne, che doveva solo farsi medicare dai sanitari dell’ospedale, non c’è stato niente da fare.

Un 45enne perugino, dopo un banale sinistro stradale con un ‘altra auto, nessuno dei due conducenti ha avuto ferite gravi, si uccide nella saletta del pronto socorso Non si capiscono i motivi del suicidio


www.salute.gov

Il suicidio in ospedale rappresenta un evento sentinella rilevante, come dimostrato anche dai dati internazionali e, pertanto, è necessario che negli ospedali vengano adottati strumenti e misure idonee di prevenzione (anche se nel caso in questione non si tratta di un paziente residente). Nel nostro Paese alcuni ospedali hanno già intrapreso iniziative per contrastare il verificarsi di tale evento che costituiscono un utile riferimento per la presente Raccomandazione. Alleghiamo linee guida del Ministero della salute relative alla prevenzione del suicidio di paziente in ospedale.

[embeddoc url=”http://www.umbriajournal.com/wp-content/uploads/2015/07/C_17_pubblicazioni_592_allegato.pdf” download=”all” viewer=”google”]

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*