TODI, CARABINIERI ARRESTATO SPACCIATORE ALBANESE

CARABINIERI DI TODI
CARABINIERI DI TODI
CARABINIERI DI TODI

Il Comando Compagnia Carabinieri di Todi, attraverso le proprie articolazioni operative ossia Nucleo Operativo e Radiomobile ed i Comandi Stazione, svolge un costante monitoraggio dei soggetti dediti all’assunzione di sostanze stupefacenti della Media Valle del Tevere. In tale contesto, i militari del NORM hanno sorpreso un cittadino clandestino albanese mentre cedeva una dose di eroina ad un agente di commercio di 40anni, residente a Todi. I due venivano fermati nella frazione di Ponte San Giovanni di Perugia, ove si erano dati appuntamento per dar luogo all’illecita transazione. La successiva perquisizione, eseguita a carico dello spacciatore, consentiva ai Carabinieri di Todi di rinvenire: altri 15 involucri contenenti cocaina che, sottoposta agli accertamenti presso il Laboratorio Sostanze Stupefacenti del Comando Provinciale CC di Perugia, è risultata aver un ottimo grado di purezza pari all’83%, sufficiente per realizzare 63 dosi; alcuni grammi di hascisc e marijuana; la somma in contanti di euro 2.500, provento dell’attività di spaccio.

 

Si accertava, altresì, che da diversi mesi l’albanese di questione riforniva diversi assuntori della Media Valle del Tevere, ai quali vendeva dosi di cocaina, facendole pagare 90 euro ognuna. Inoltre, lo spacciatore si muoveva con un’autovettura intestata ad un operaio italiano, incensurato di Perugia, che aveva, a suo nome, fittato anche un’abitazione nel capoluogo umbro, concedendola in uso allo stesso albanese. Lo spacciatore albanese, sottoposto alle procedure d’identificazione, risultava essere stato già arrestato a Perugia, dal 2008, altre tre volte per lo stesso delitto ed identificato con altri alias. L’albanese veniva, quindi, tratto in arresto per la quarta volta per il delitto di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti e dopo essere stato ristretto nelle camere di sicurezza della Compagnia di Todi, nella mattinata odierna veniva condotto dinanzi al Giudice Monocratico del Tribunale di Perugia che, dopo aver convalidato nell’ambito del processo con rito direttissimo l’arresto, disponeva la custodia cautelare in carcere. Infine, l’agente di commercio di Todi veniva segnalato alla Prefettura di Perugia quale assuntore di sostanze stupefacenti mentre l’operaio perugino sarà deferito all’Autorità Giudiziaria per aver dato sostegno logistico all’attività dello spacciatore.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*