Primi d'Italia

Terrore in centro storico a Terni, ladri rubano auto, scappano e causano incidente

Hanno causato un incidente con un'auto su cui viaggiavano una mamma con una bambina

Impedisce autista autobus di effettuare la corsa, succede ad Assisi

Terrore in centro storico a Terni, ladri rubano auto, scappano e causano incidente

TERNI – Terrore nel centro storico di Terni per la fuga di due ladri provenienti da Rieti. Una fuga che avrebbe potuto avere conseguenze ancora più gravi. E’ successo giovedì pomeriggio. I due reatini di circa 30 anni, già noti alle cronache giudiziarie, che dopo aver rubato una jeep Mitsubishi ad un imprenditore della città sabina, sono scappati verso il ternano. I balordi erano inseguiti dalla stessa vittima del furto che ha a sua volta allertato la polizia di Terni.

La volante si è messa subito sulle tracce dei fuggitivi. I due giunti nel centro di Terni si sono avventurati in via Curio Dentato, lì hanno causato un incidente con un’auto su cui viaggiavano una mamma con una bambina. Hanno tentato di fuggire ma la jeep è finita contro altre due auto in sosta, prima di essere definitivamente bloccata dalla polizia. Uno dei due soggetti, illeso, è stato immediatamente condotto in questura, mentre l’altro, ferito in maniera non grave, si trova piantonato all’ospedale di Terni. La madre e la bambina, secondo le prime informazioni, sono sotto shock e sono ferite anche se non sembra in pericolo di vita.

Nei confronti di entrambi è probabile che il pm Marco Stramaglia disponga gli arresti, sulla base non solo del reato di furto, ma anche di tutta un’altra serie di contestazioni destinate ad aggravare il quadro giudiziario.Dei due malviventi, quello trasferito in ospedale è stato trovato in possesso anche di un coltello a serramanico di 12 centimetri: ulteriore reato che va ad aggiungersi agli altri rilevati dall’autorità giudiziaria. Il traffico nella zona di via Curio Dentato ha subito rallentamenti, gestiti dalla polizia locale: verifiche necessarie per cristallizzare un quadro già di per sé piuttosto chiaro.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*