Terremoto, a Perugia arrivate 240 persone dalle zone terremotate

A gestire la situazione è, infatti, il Comune di Perugia con i suoi uffici, in continuo contatto con la Regione dell’Umbria e in collaborazione con la Protezione Civile

Terremoto, 85 le verifiche effettuate su 206 edifici scolastici

Terremoto, a Perugia arrivate 240 persone dalle zone terremotate. In 240 circa sono arrivati nella serata di ieri dalle zone terremotate a Perugia per essere ospitati in alcuni alberghi della città. Altri 120 sono previsti in arrivo per questa sera. “I numeri tuttavia possono aumentare -spiega la dott.ssa Roberta Migliarini, Dirigente dell’Area Servizi alla persona del Comune di Perugia- perché fino a tarda notte può capitare che arrivi anche chi ha deciso all’ultimo momento di lasciare la propria casa terremotata per cercare un po’ di tranquillità, anche se a distanza di un centinaio di km.”

A gestire la situazione è, infatti, il Comune di Perugia con i suoi uffici, in continuo contatto con la Regione dell’Umbria e in collaborazione con la Protezione Civile, le associazioni di volontariato, la Croce Rossa Italiana, medici e assistenti sociali.

Il Sindaco Andrea Romizi ha, fin dal primo momento, seguito personalmente tutto l’evolversi della situazione sia dal Coc che, poi, direttamente a Ponte San Giovanni, accertandosi di persona dello svolgimento delle operazioni. Attualmente gli alberghi coinvolti nell’accoglienza sono 5, che già stanno ospitando le persone provenienti dalle aree terremotate, altri 4 sono pronti, preallertati in caso di necessità.

“Si tratta di hotel che possono ricevere numeri importanti -spiega ancora la dott.ssa Migliarini- proprio per permettere a interi nuclei familiari, quando non addirittura ad abitanti di interi borghi di poter stare tutti insieme, con l’obiettivo di ricreare quel clima familiare che permette loro di sentirsi più sereni e al sicuro.” Se, in questi giorni si tratta di far fronte alla prima emergenza, da domani si dovrà comunque cominciare a pensare anche alla gestione delle esigenze di carattere sanitario, sociale e educativo degli ospiti, data la presenza di persone anziane, che hanno bisogno di cure, così come di bambini che dovranno presto riprendere anche la scuola.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*