Terni parco Tevere, smaltiva rifiuti illeciti, denunciato

Corpo forestale
Corpo forestale
Corpo forestale

(umbriajournal.com) TERNI  – Nello scorso mese  di gennaio  la direzione dell’oasi del  WWF  Lago di Alviano ha segnalato  al  Corpo  forestale  dello  Stato il ritrovamento, all’interno dell’Oasi  di  cumuli di  rifiuti costituititi da materiale di demolizione edile . A  seguito di un sopralluogo eseguito dal personale Comando  Stazione Forestale di Montecchio si rinveniva  sulla  banchina  a  riva  del  lago di Alviano  un  cumulo  di  rifiuti  composto  da  diversi  metri cubi  di  pezzame  di mattonelle, detriti  di  muratura,  sanitari  rotti,  scarti di tubature e corrugati, involucri in plastica e  cartone  di materiale  edile ed altri  residui inerti;  il tutto  lasciava ipotizzare che  i  rifiuti  provenissero  da un attività  di  ristrutturazione  con interventi  su  parti  idrauliche  e  che  l’abbandono  era  stato  effettuato a  più  riprese.

Nell’ambito delle indagini si provvedeva al posizionamento di una microcamera che alcuni dopo riprendeva un nuovo abbandono. Nelle riprese si vedevano due persone arrivare sul posto, raggiunte poco dopo da una terza persona alla guida di un trattore con rimorchio che, approssimatosi sulla banchina, scaricava praticamente nel lago del materiale di demolizione.

 

Dall’analisi delle immagini ed a seguito di ulteriori accertamenti si è risaliti all’autore dell’illecito smaltimento dei rifiuti che è stato denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica per smaltimento illecito di rifiuti e deturpamento di bellezze naturali. Rischia la pena dell’arresto   responsabile è stato quindi denunciato a piede libero alla procura  della Repubblica di Terni per  smaltimento illecito di rifiuti e deturpazione di bellezze naturali. Rischia  la   pena  dell’arresto  da  tre  mesi  ad  un  anno  o  un  ammenda  da  2.600 a  26.000  euro  oltre  alle pene  previste  per  il  deterioramento di aree protette.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*