Terni, Italia Nostra, “Bloccare ampliamento discariche industriali”

wwf&italianostraternida Italia Nostra Terni riceviamo e pubblichiamo

TERNI, 4 aprile – Nelle prossime settimane Italia Nostra e WWF inviteranno formalmente lo Stato italiano a fermare per sempre l’ampliamento delle discariche industriali di Valle e di Pentima di Terni, viste le pesantissime criticità ambientali sin qui emerse.

L’ultima parola sull’espansione spetta infatti proprio al Ministero dell’Ambiente, poiché le discariche si trovano in un S.I.N., sito nazionale da bonificare. Si applichino dunque le c.d. clausole di salvaguardia –prescrizione 10/a, prescrizione 14- già contenute nell’A.I.A. 2010. E’ inammissibile espandere ancora queste bombe ecologiche, visto l’altissimo grado di contaminazione già attestato. Si prosegua piuttosto nella loro messa in sicurezza, senza però forzare la mano per ottenere un improbabile contestuale allargamento.

Le Acciaierie predispongano senza ulteriori indugi ogni misura volta al recupero delle scorie siderurgiche, così come altre aziende dell’inossidabile fanno già da anni. Nessun nuovo sfregio ambientale sarà ammesso alle porte della Valnerina e in area contigua al sito di eccezionale pregio naturalistico della Cascata delle Marmore, candidato a Patrimonio mondiale UNESCO, a voler tacere del rischio sanitario per lavoratori e residenti tutti.

Esigiamo poi che Enti Locali e Regione predispongano una propria indagine idrogeologica certa e aggiornata, considerando che pare autolesionistico aver permesso l’ampliamento della discarica TK-AST senza possedere studi incontrovertibili e condivisi in merito, avendo pure respinto l’esame di parte prodotto dal prof. Celico, poiché, tra altre cose, questi attribuirebbe parte significativa delle criticità esistenti proprio ai gestori della ex discarica comunale RSU, oggi chiusa “…Esiste tuttavia un inquinamento piuttosto diffuso di entrambi i corpi idrici sotterranei -falda superficiale e falda profonda- che, sulla base dei dati attualmente esistenti, è almeno in parte riconducibile alla limitrofa discarica di RSU (area per lungo tempo in comodato al Comune, p.74, conclusioni rapporto idrogeologico prof. Celico per TK-AST)”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*