Terni, incastrato 36enne marocchino per tentata rapina a romeno

Bimba nata morta, cartella clinica al vaglio degli investigatori

Nella tarda serata di sabato scorso i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Terni hanno denunciato in stato di libertà per tentata rapina aggravata un 36enne marocchino pregiudicato clandestino.

Il nordafricano, che i militari riuscivano a rintracciare ed identificare grazie alle immediate ricerche messe in atto ed al termine di un inseguimento a piedi per le vie del centro storico, aveva, poco prima delle 2 di notte, tentato una rapina nei confronti di un altro straniero. Aveva infatti avvicinato un 23enne romeno che passeggiava in via Cavour e, minacciatolo con un piccolo coltello che gli puntava alla gola, gli aveva intimato di consegnargli tutto quello che aveva. La reazione del giovane dell’est, che nell’occasione riportava una lieve ferita al collo, aveva però indotto il malfattore a desistere dall’intento criminale e fuggire senza bottino.

La descrizione dell’aggressore, che la vittima forniva all’equipaggio dell’Arma prontamente intervenuto sul posto, permetteva ai militari, messisi subito sulle tracce del reo, di individuarlo poco dopo in Piazza Solferino. Il marocchino, accortosi dei militari, si dava a precipitosa fuga per le strette vie del centro storico, nelle quale l’autovettura di servizio non sarebbe riuscita a passare, ma i Carabinieri, senza indugio, lo rincorrevano a piedi raggiungendolo e bloccandolo in via San Nicandro. La perquisizione personale operata sul soggetto permetteva di rinvenire e sequestrare sia il coltellino usato per minacciare il romeno che 12 grammi di hashish.

Il nordafricano, clandestino nonché gravato da numerosi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, stupefacenti e contro la persona, oltre ad essere deferito in stato di libertà per rapina aggravata, veniva segnalato alla locale Questura per la sua posizione irregolare sul territorio nazionale ed alla Prefettura quale assuntore di stupefacenti.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*