Ternano uccise romeno, chiesto rito abbreviato

Ternano uccise romeno, chiesto rito abbreviato
PALAZZO GIUSTIZIA TERNI

Ternano uccise romeno, chiesto rito abbreviato

Andrea Arcangeli, il commesso di 45 anni di Terni accusato dell”omicidio di Victor Marian Iordache, il 38enne romeno trovato morto, agli inizi del luglio 2014, nella campagne di Molenano di Stroncone, ha chiesto di essere processato con rito abbreviato, condizionato alla deposizione di due testimoni. La richiesta è stata inoltrata dai suoi avvocati Vittorina Sbaraglini e Francesco Mattiangeli. Questo dopo che il Giudice per le indagini preliminari, Simona Tordelli, all’inizio del mese di giugno, aveva accolto la richiesta di giudizio immediato avanzata dal sostituto procuratore della repubblica Elisabetta Massini.

Il processo davanti alla Corte d’Assise sarebbe dovuto cominciare il 24 settembre prossimo. Ora, però, sarà probabilmente individuata un’altra data. In base alle indagini svolte dalla polizia, Arcangeli uccise il romeno, al quale sarebbe stato legato, con un colpo di pistola alla testa al termine di una lite avvenuta nel garage della propria abitazione di via Mola di Bernardo. Il corpo della vittima, ritrovato tre mesi dopo la scomparsa, era stato poi sepolto nelle campagne sotto uno spesso strato pietre, sacchi di terriccio, cemento e calce. Il presunto omicida, che si trova agli arresti domiciliari, ha sempre sostenuto di non aver agito con l”intenzione di uccidere. Parlando invece di un incidente.

Ternano uccise romeno

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*