Tensioni all’interno dell’Ostello di Pian di Massiano, per una lite tra due nigeriani, Arci: “Situazione sotto controllo”

Nessun intervento sul posto è stato effettuato dalle Forze dell'Ordine

Perugia, CasaPound: bando accoglienza Arci e Caritas si spartiscono il bottino

Marcello-Migliosi-1del direttore
Marcello Migliosi
PERUGIA – Tensioni fra stranieri all’Ostello di Pian di Massiano a Perugia. Di fatto all’interno della struttura, qualche ora prima delle nove e trenta – quando sarebbe stata chiamata la Polizia – qualche “scintilla” ci sarebbe stata e, stando a quanto riferisce Arci solidarietà, si sarebbe trattato di una lite tra due nigeriani, per altro amici tra loro. Lite scoppiata, dicono i responsabili dell’Associazione, per “futili motivi”. Attualmente, all’interno della struttura di ospitalità, sarebbero ospiti 25 migranti, parte nigeriani e parte pakistani. Da quello che è stato ricostruito sembra che alcuni di loro si sarebbero lamentati per la scarsa qualità dei pasti, dopo di che, altre persone avrebbero avuto dei bisticci. Evento confermato, per l’appunto dall’Arci. Il gestore della struttura, stando a quanto riferiscono fonti accreditate,  avrebbe chiamato la Polizia per una sorta di allerta preventivo.  La Questura si è raccordata con i Carabinieri – la zona oggi rientra nella loro giurisdizione – e ha concordato che, se ci fossero stati altri segnali negativi, l’intervento sarebbe stato fatto congiuntamente. Non si parla, quindi, di una vera e propria protesta, ma di una situazione di tensione e conflittualità che, in ogni caso, richiedeva uno stato di preallarme. Nessun intervento quindi è stato fatto dalle forze dell’ordine, ma solo una sorta di “monitoraggio” preventivo data la tensione che, lo ripetiamo, si inquadra come una lite tra due presone. Per quanto riguarda la protesta su quello che gli ospiti stranieri mangiano in Ostello, da Arci solidarietà confermano che le persone che vivono all’interno della struttura hanno a disposizione soldi per scegliere e comprarsi il cibo che vogliono e per cucinarlo secondo le loro abitudini e culture.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*