Stragi del sabato sera, Polstrada di Perugia ha effettuato 200 controlli

I predetti servizi proseguiranno nel corso dei prossimi fine settimana

Aggredisce la convivente e le stringe una corda intorno al collo, arrestato

Stragi del sabato sera, Polstrada di Perugia ha effettuato 200 controlli

PERUGIA – Anche nel corso degli ultimi due fine settimana la sezione polizia stradale di Perugia ha proseguito nell’attuazione di articolati servizi di vigilanza stradale lungo le arterie di questa provincia, in prossimità di discoteche ed altri locali pubblici mirati, in particolare, al contrasto del Fenomeno “stragi del sabato sera”.

Nel corso di tali servizi, volti a tutelare la vita umana e la regolare e serena circolazione di utenti in transito in questa tratta di regione durante il fine settimana, sono stati effettuati oltre 200 controlli tra veicoli e persone e, in particolare, tra altre contestazioni per violazioni alle norme del codice della strada, sono state ritirate, 14 patenti di guida connesse alla condotta di autoveicoli sotto l’influenza di sostanze alcooliche.

Dei conducenti controllati con etilometro, nove sono stati denunciati alla competente autorità giudiziaria per avere superato i limiti consentiti dalla vigente normativa [0,8 mg/l] – a due è stato riscontrato anche un tasso alcoolemico superiore al 1,5 mg/l – , mentre per gli altri, con tasso alcoolemico inferiore a 0,8 mg/l è stata inoltrata segnalazione alla locale prefettura di Perugia per i provvedimenti di competenza complessivamente 104 sono il totale dei punti che andranno ad incidere negativamente sulle patenti di guida dei rispettivi conducenti.

I predetti servizi proseguiranno nel corso dei prossimi fine settimana con l’intervento, altresì, di personale medico e infermieristico dell’ufficio sanitario della questura di Perugia per gli accertamenti connessi alla conduzione di veicoli sotto l’influenza anche di sostanze stupefacenti.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*