Stalking, 20enne denunciato dalla polizia a Perugia

Perseguita la ex fidanzata, stalker di 59 anni arrestato dalla Polizia di Terni

stalking-770x574PERUGIA – Un intervento casuale delle volanti fa scoprire il comportamento persecutorio di un giovane nei confronti della sua giovanissima ex fidanzata. Durante il pattugliamento serale della zona di Ponte Pattoli gli agenti si imbattono in due auto pericolosamente parcheggiate con l’evidente dinamica di una Alfa Romeo che aveva poco prima sorpassato e costretto a fermarsi una utilitaria.

Avvicinatisi gli agenti vedono confabulare tre giovani , tra cui una ragazza diciottenne; nel frattempo sopraggiunge un’altra vettura con a bordo il padre della ragazza che chiarisce l’episodio. La giovane figlia fino a poco tempo fa aveva avuto una relazione sentimentale con un ventenne poi troncata, qualche mese fa, dalla ragazza oppressa dall’atteggiamento eccessivamente aggressivo del giovane le rendeva la vita impossibile .

Intuendo di non poter ulteriormente sopportare tale atteggiamenti la ragazza ha deciso di finire il rapporto ma questo ha provocato una serie di continue “attenzioni” nei suoi confronti del suo “ex” che costantemente vigilava sul suo comportamento tanto che lei usciva raramente di casa .

Quella stessa sera la ragazza aveva partecipato ad una cena con amici ed improvvisamente lui si era presentato dicendole pubblicamente che doveva stare attenta ai suoi comportamenti e che per lei sarebbero state “solo botte”. La ragazza decise quindi di tornare a casa accompagnata da un amico ma poco dopo è stata avvisata che lui si era messo in auto sulle sue tracce e pertanto lei ha deciso di chiamare in aiuto il padre.

Sulla strada verso casa lui li aveva raggiunti fino a superarli e ad impedire la marcia al veicolo fino all’arrivo della Polizia. Gli agenti hanno quindi condotto il giovane in Questura ove, dopo gli atti di rito, è stato denunciato per atti persecutori. Poco dopo, nella sua abitazione sono state prelevate, a scopo precauzionale, dagli agenti della Volante, la pistola e le cartucce che legittimamente deteneva per la attività sportiva del tiro a segno.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*