Stalker ritorna in carcere 24 ore dopo la scarcerazione

Carcere Orvieto, Sappe: "Ennesima aggressione a poliziotto"
Carcere Orvieto, Sappe: "Ennesima aggressione a poliziotto"

E’ uscito dal carcere giovedì pomeriggio, beneficiando del provvedimento del Tribunale del Riesame che ha sostituito, su richiesta del suo legale, la misura cautelare della custodia in carcere con quella meno afflittiva degli arresti domiciliari, da scontare in un Hotel, vicino al lago Trasimeno, quale sua abitazione provvisoria.

Subito dopo, in poche ore, P.L., 40enne, indagato per i reati di maltrattamenti in famiglia, lesioni e stalking nei confronti della ex compagna e dei suoi figli ha violato tutti gli obblighi impostigli dal provvedimento di scarcerazione.

Uscito da Capanne ha telefonato alla sua vittima, minacciandola, violando il divieto di comunicare con lei; la donna è quindi scappata da casa e si è rivolta immediatamente alla polizia.

Lui è andato sotto la sua abitazione, violando il divieto di allontanarsi dal luogo ove scontare gli arresti domiciliari.

In poco tempo l’ha chiamata tredici volte da luoghi diversi.

Le sue gravi ed immediate violazioni, prontamente riscontrate dalla Polizia, hanno determinato il P.M. a richiedere, con la massima urgenza, al G.I.P. nei suoi confronti la revoca della misura degli arresti domiciliari e una misura più afflittiva; tale richiesta veniva immediatamente accolta e formalizzata.

24 ore dopo la sua scarcerazione la Squadra Mobile lo ha quindi prelevato dall’albergo ove era alloggiato e lo ha riaccompagnato in Carcere dopo la notifica del nuovo pesantissimo provvedimento con il quale il G.I.P. ha disposto il ripristino della custodia cautelare in carcere.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*