Spaccata in via Settevalli, ladri sfondano vetrata bar

I malviventi, secondo le prime informazioni, non riuscendo ad aprire la porta, avrebbero usato un furgoncino

Spaccata in via Settevalli, ladri sfondano vetrata bar Indagini in corso. Ancora da quantificare il bottino e i danni

Spaccata in via Settevalli, ladri sfondano vetrata bar
Indagini in corso. Ancora da quantificare il bottino e i danni

Due o tre mila euro di bottino, più un danno alla porta, calcolabile, anche questo, tra i 1500 e i 2000. I ladri che questa mattina alle 4,30 hanno sfondato la vetrata laterale del bar Olimpia di via Settevalli, tra Perugia e Pila, hanno avuto la mano pesante.

Furto con spaccata

Prima hanno cercato di forzare la porta laterale, non riuscendoci, hanno optato per un veicolo, forse un’auto o un furgone e – travolgendo e distruggendo anche un grosso vaso dei fiori – hanno sfondato il vetro e piegato i montati di metallo dell’ingresso. Appena dentro al bar si sono fiondati sulla slot machine. «Ieri – dice sconsolato il proprietario – la macchina aveva giocato moltissimo e quindi è possibile che dentro ci possano essere stati un due mila euro». Il proprietario dice anche che oramai, al suo bari, i ladri hanno fatto l’abbonamento: “L’ultimo colpo – racconta – è stato messo a segno circa un mese fa”.

Ad accorgersi della spaccata, dati gli allarmi, è stata la Vigilanza, poi sul posto è arrivata anche la Squadra Volante della Questura di Perugia. “Problemi – dice sempre il proprietario – ne avremo anche per poter risistemare tutto. Il vetro e, soprattutto, la porta. Non credo che riusciremo dentro oggi e significa che qualcuno di noi, questa notte, dovrà stare qua dentro a vigilare».

Gli investigatori, che sono tornati sul posto, hanno esaminato i video registrati dalle telecamere a circuito chiuso e, forse, con l’aiuto dell’elettronica si potrà risalire agli autori del colpo. “Dovremo – dice ancora il proprietario – deciderci a installare anche una serranda, dato che i vetri antisfondamento non bastano più”

Spaccata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*