Sospetto caso di ebola a Perugia, trasferimento immediato allo Spallanzani di Roma [VIDEO E FOTO]

Attivate le procedure. Assessore sanità Luca Barberini: "Nessun pericolo per la comunità"

La direzione salute della Regione Umbria in contatto con la direzione sanitaria dell’Ospedale Santa Maria della Misericodia di Perugia, ha appreso di un caso di sospetto di Ebola in un paziente ricoverato e che sta per essere trasferito allo Spallanzani di Roma come da protocollo tra il ministero della Sanità e la Regione siglato per fronteggiare l’emergenza Ebola. Si tratta di un uomo sui 50anni, umbro e con una residenza in Guinea.

Il paziente, rientrato in Umbria dalla Sierra Leone, paese che sta uscendo dall’emergenza sanitaria, si era recato in ospedale a Perugia accusando uno stato febbrile persistente e cefalea. Vista la provenienza del paziente, la direzione sanitaria ha ritenuto di attivare il percorso assistenziale previsto e già applicato in caso analoghi.

La direzione dell’ospedale, in attesa dei risultati del laboratorio dello Spallanzani per accertare la presenza dell’infezione, ha allertato i medici della sanità pubblica dell’Asl di competenza per monitorare la situazione dei familiari entrati in contatto con il paziente. La Regione continuerà a monitorare la situazione con massima attenzione e precisa che il trasferimento del paziente allo Spallanzani è stato deciso solo a scopo precauzionale e che nell’effettuare il ricovero sono state prese tutte le precauzioni e rispettate tutte le procedure per mettere in sicurezza i professionisti dell’ospedale e gli altri pazienti.

“Le procedure puntano a garantire al massimo ogni soluzione di tutela della salute pubblica. Lo ha detto Luca Barberini, assessore alla Sanità della regione Umbria. Le procedure – conclude – che erano state individuate in qualche modo fanno pensare che siano adeguate ai bisogni e necessità”.

Dal Santa Maria della Misericordia è partita l’ambulanza con il malato di ebola. Si tratta di un’unità speciale bio protezione del dipartimento di protezione civile della presidenza del consiglio dei Ministri. “Sarà scortato dal Nucleo NBCR vigil fuoco di Perugia, un gruppo di 8 persone con protezione per operare in zone contaminate, insieme a due pattuglie della Polstrada di Perugia e Terni, fino a Orte. Lo ha detto Maurizio Fattorini, responsabile dei Vigili del Fuoco di Perugia. Dopo  – ha concluso – si daranno il cambio con la polizia autostradale fino all’ospedale Spallanzani”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*