Siringa in terra, a Perugia in Via Jacopone Da Todi

Tamburi: "La piaga della droga e della delinquenza di strada, non si potranno mai debellare"

Siringa in terra, a Perugia in Via Jacopone Da Todi

Siringa in terra, a Perugia in Via Jacopone Da Todi

da Giampiero Tamburi (Realtà Popolare – Segretario Nazionale) – Al di là dei proclami dati alle masse in nome della presunta buona politica e della buona amministrazione, dicendo che Perugia è o non è la capitale della droga; che sono state messe, o si metteranno, telecamere in ogni dove; che ci siamo o no riappropriati degli spazi; che molti pusher sono stati rimandati ai propri paesi e chi più ne ha più ne metta, resta il semplice fatto, inconfutabile, che la piaga della droga e della delinquenza di strada, non si potranno mai debellare.

Ci ricordano continuamente: “Il centro storico di Perugia è libero e non succedono più fatti spiacevoli o, se succedono, molto sporadicamente e tutto è sotto controllo”. Ma se si manifestano una volta al giorno, una volta la settimana o una volta al mese non ha nessuna importanza: il fatto è che succedono e questo basta per far capire che non sarà mai possibile rendere la città pulita completamente.

Una siringa in terra non sarà la fine del mondo! Forse no! Ma è quello che a fatto in modo che quella siringa finisse per terra quello che preoccupa perché, dietro a questo, c’è tutto un mondo di spacciatori, di tossicodipendenti, di affari poco leciti, di gente mafiosa e di criminalità organizzata che agisce indisturbata, cammina e vive in mezzo a noi e non ha certo scritto in fronte chi sono e come sono dannosi per la società.

Gente che se la potremmo ritrovare a prendere l’ascensore con noi perché vivono nello stesso nostro palazzo.

Gente che potrebbe diventare amici con i nostri figli ed i nostri nipoti e questo è tutto dire! Scoprire, perché i cittadini ne danno notizia alle Forze dell’ordine, di appartamenti che sono usati come laboratori per confezionamento della droga e punti di riferimento per organizzare lo spaccio, serve a poco se poi non si è capaci di monitorare continuamente e capillarmente cosa fanno queste persone dopo che, fatti alcuni giorni in carcere, vengono liberati e padroni di ricominciare daccapo e se, riusciamo a rimandarli a casa, altri cento sono in fila per prendere immediatamente il loro posto.

Facciamoci solo una domanda: cosa in realtà abbiamo fatto, aldilà del lavoro della Polizia e dei Carabinieri, di concreto per migliorare la situazione della sicurezza urbana? Nulla di veramente efficiente!

Siringa

1 Commento su Siringa in terra, a Perugia in Via Jacopone Da Todi

  1. Al di là del messaggio, questo comunicato è scritto davvero male!
    Le pur legittime idee dell’autore sono di difficile comprensione, tra l’altro nemmeno sottoposte a correzione di fronte ad errori macroscopici!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*