Sicurezza urbana Giunta Perugia approva protocollo, poi anche Terni

La Giunta comunale di Perugia ha approvato oggi lo schema di protocollo d’intesa che dovrà essere sottoscritto con il Comune di Terni sui temi della sicurezza urbana

Sicurezza urbana Giunta Perugia approva protocollo, poi anche Terni

La Giunta comunale di Perugia ha approvato oggi lo schema di protocollo d’intesa che dovrà essere sottoscritto con il Comune di Terni sui temi della sicurezza urbana. Con il protocollo i due capoluoghi umbri potranno mettere in comune competenze e saperi in un percorso da costruire insieme e orientato alla definizione e attuazione di  interventi o di programmi di intervento che richiedono, per la loro completa realizzazione, l’azione integrata e coordinata di più livelli istituzionali e attori.

Potranno, quindi, selezionare programmi e iniziative di finanziamento più coerenti e con un efficiente profilo di fattibilità tecnica; individuare temi e contenuti comuni degli interventi; attivare rete di relazioni, anche nell’ottica della selezione dei partenariati transnazionali o sovraregionali; infine, condividere competenze e conoscenze relative a ciascuna area tematica. I temi della legalità e della sicurezza rappresentano oggi, per i Comuni un impegno primario che passa sia attraverso l’interazione fra le diverse istituzioni e forze dell’ordine, sia attraverso le informazioni dei cittadini, ma anche il decoro urbano.

In questo ambito le amministrazioni comunali di Perugia e Terni possono essere considerate fra le più avanzate, dal momento che hanno definito un approccio alle politiche di sicurezza ampio e comprensivo e che assume la sicurezza dei cittadini come bene pubblico. Nel protocollo si prevede anche l’utilizzo di fondi comunitari del Programma Quadro Horizon 2020, per incrementare il livello di sicurezza e protezione dei cittadini, la sicurezza delle infrastrutture e dei servizi. Il protocollo fa seguito ai due patti, quello per Terni Città Sicura e Perugia Città sicura, siglati dagli stessi enti con le rispettive Prefetture e Province nel 2015.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*