Sicurezza Terni, polizia arresta due stranieri

Terni, lite violenta lite all’interno di un bar: tre romeni arrestati

Sicurezza Terni, polizia arresta due stranieri

Fermati domenica durante l’attività di perlustrazione e controllo del territorio, intensificata nel fine settimana su disposizione del Questore Carmine Belfiore.

Due distinte operazioni della Polizia di Stato hanno portato, domenica, all’arresto di due stranieri – un nigeriano e un marocchino – resisi responsabili di violenza, resistenza e minaccia a Pubblico Ufficiale, il primo ed evasione, violenza a Pubblico Ufficiale e lesioni, il secondo.

Il nigeriano – 22 anni, entrato in Italia come richiedente asilo, richiesta che gli è stata rifiutata ad ottobre dalla Commissione territoriale competente, decisione contro la quale ha presentato ricorso – è stato fermato in un bar di via Lungonera Savoia, dagli agenti del Reparto Prevenzione Crimine Umbria-Marche, impegnati, insieme alla Squadra Volante, nei servizi di perlustrazione e controllo del territorio alla fine della partita di calcio della squadra cittadina.

L’uomo, dopo aver ordinato da bere insieme ad un suo connazionale, ha iniziato a lanciare i cucchiaini all’interno del bar.

Invitato a calmarsi, sia dalla barista che dagli agenti, si è scagliato contro di questi, colpendoli e mordendoli. Alla fine il nigeriano è stato bloccato e condotto nelle camere di sicurezza della questura. Stamattina verrà giudicato per direttissima; gli agenti, feriti alle mani, alle ginocchia ed uno anche ad un occhio, sono stati affidati alle cure dei sanitari.

Nella nottata tra sabato e domenica, è stato invece arrestato in cittadino marocchino, già agli arresti domiciliari per il tentato omicidio della sua fidanzata.

L’uomo è stato visto da una pattuglia della Volante, dopo la mezzanotte, mentre camminava a piedi verso via San Valentino; appena si è accorto della Polizia, ha iniziato a correre, cercando di seminare gli agenti che lo hanno inseguito, prima in auto, poi a piedi, fino a Piazza della Pace.

Arrivato davanti ad un condominio, l’uomo, visibilmente ubriaco, ha cercato di chiudere il portone, danneggiandolo, in faccia ad un agente che, pur rimanendo ferito, è riuscito a bloccarlo e ad arrestarlo. Su disposizione del Sostituto Procuratore Barbara Mazzullo è stata ripristinata la misura degli arresti domiciliari, in attesa della direttissima che si terrà questa mattina.

Sicurezza Terni

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*