Si schianta con il suo velivolo, muore romano a Maratta

Incidente, ancora una volta, all’aviosuperficie di Maratta, a Terni. Un uomo di 58 anni, di Roma, è morto dopo essere precipitato con il suo ultraleggero. Il velivolo è caduto nella una cava della Wienerberger, ex Tacconi. Il pilota, Massimo Bonicelli, ha perso la vita sul colpo.

L’uomo è stato soccorso ma non c’è stato niente da fare. A causare probabilmente la caduta dell’ultraleggero l’urto con un cavo elettrico da 132 mila volt, collegato a un traliccio delle Ferrovie dello Stato.

Sul posto cono intervenuti i vigili del fuoco, la polizia e il 118 ma il pilota era già morto. Indagini in corso per capire la dinamica dell’incidente.

Il pilota, da quanto appreso, ha accusato un problema al motore durante il decollo. Avrebbe tentato un atterraggio di fortuna e il contatto con i cavi elettrici. Inevitabile lo schianto.

L’ultimo – tragico – precedente si è verificato lo scorso 6 giugno, quando ha perso la vita un 64enne di Latina.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*