Primi d'Italia

Fine settimana, Terontola, 5 persone arrestate dai carabinieri di Arezzo

Bimba nata morta, cartella clinica al vaglio degli investigatori

CARABINIERInellaNOTTE-CARABINIERI-NOTTE-TERONTOLA – Negli ultimi tre giorni sono stati intensificati i servizi preventivi di controllo del territorio nell’ambito del comando provinciale carabinieri di Arezzo. Un quarantunenne è stato arrestato per furto, tre giovani della Valtiberina per spaccio di stupefacenti e un trentaduenne della Valdichiana per un ordine di custodia cautelare in carcere. Diciassette persone sono state denunciate in stato di libertà per vari reati.

I carabinieri della stazione di Terontola hanno denunciato in stato di libertà tredici persone per danneggiamento aggravato e interruzione di pubblico servizio.

Verso le 23,30 del 27 giugno scorso il capo treno dell’interregionale Firenze – Foligno, richiedeva l’intervento dei militari dell’arma presso lo scalo ferroviario di Terontola, in quanto vi era un folto gruppo di giovani che, oltre a viaggiare senza biglietto, commetteva atti di vandalismo, imbrattando con scritte e graffiti i sedili e i finestrini di una carrozza del convoglio, tanto che il capo treno era costretto a prolungare la sosta in stazione.

I carabinieri intervenuti sul posto provvedevano a riportare la calma e identificavano i responsabili, nove italiani e quattro stranieri, di età tra i 16 e i 25 anni, di cui 10 residenti in provincia di Roma, 2 residenti in provincia di Perugia e 1 in provincia di Torino.
Una di essi, una diciottenne romena, residente in provincia di Roma, veniva inoltre denunciata per false attestazioni sulla identità personale.

I carabinieri della stazione di Terontola hanno denunciato in stato di libertà un cinquantunenne della provincia di Foggia per truffa. L’uomo aveva inserito su un sito di vendite online l’annuncio della vendita di un robot da cucina del valore di 600 euro, aveva ricevuto da una 33enne della Valdichiana un acconto di 100 euro e poi non aveva più dato notizie di sé.

I carabinieri della stazione di Terontola hanno denunciato in stato di libertà un trentacinquenne della provincia di Perugia per insolvenza fraudolenta.

Nel gennaio scorso l’uomo, titolare di una azienda, aveva commissionato ad un’autofficina della Valdichiana dei lavori per delle autovetture, provvedendo a pagare con assegni per un importo di 2.370 euro, poi risultati privi di fondi.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*